Rapina a mano armata ai danni degli orefici Villa

A Giussano, nel primo pomeriggio di sabato, quattro malviventi hanno messo a segno il colpo. Non solo la rapina ma anche calci e pugni

Via Mascagni a Giussano

Sul finire della mattinata i due fratelli Villa di Giussano, Antonio e Vittorina, erano nel loro negozio di gioielli quando due individui sono entrati e hanno chiesto, come normali clienti, di vedere qualche prezioso. Tuttavia non si trattava di clienti qualunque: mentre infatti Antonio e Vittorina stavano per assecondare le loro normali richieste, altri due uomini armati sono entrati nel negozio.

E quella che sembrava una normale visita di clienti si è trasformata in una rapina a mano armata, con tanto di violenza e botte contro fratello e sorella. Tuttavia a un certo punto qualcosa ha spaventato i ladri, che si sono dati alla fuga. Subito dopo sono sopraggiunti i carabinieri insieme ai mezzi del soccorso, che hanno portato Antonio all'ospedale di Monza e Vittorina a quello di Desio per gli accertamenti del caso.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Monza, scontri e paura in centro: pietrate tra Casapound e centri sociali al mercato

  • Cronaca

    Ruba il portafoglio a un uomo al centro commerciale: arrestato 28enne

  • Cronaca

    Contro il degrado in stazione arrivano le ringhiere anti-bivacco

  • Cronaca

    Tensione in centro Monza per la presentazione del libro di estrema destra: polizia fuori dall'Urban Center

I più letti della settimana

  • Incidente in Valassina tra Carate e Briosco: scontro tra auto e camion

  • Incidente in Valassina, coinvolti cinque veicoli: strada chiusa a Carate Brianza

  • Tratto chiuso in Valassina venerdì dopo gli incidenti: uscita obbligatoria a Giussano

  • Seregno, trovato il corpo senza vita di una ragazza in via Resegone

  • Verano Brianza, a terra spunta la patente di Ignazio Moser

  • Studentessa muore per un colpo di pistola esploso dall'arma del fidanzato

Torna su
MonzaToday è in caricamento