Rapina a Lentate sul Seveso, malviventi con pistola fuggono con cinque euro

Tre uomini con il volto coperto e due pistole hanno fatto irruzione in orario di chiusura nel negozio di surgelati Univagel

Immagine di repertorio

Tre rapinatori armati di pistola hanno fatto irruzione nel negozio di surgelati Univagel di Lentate sul Seveso. Il colpo è stato messo a segno sabato sera, in orario di chiusura. Nel punto vendita erano presenti i titolari - marito e moglie - che sono stati aggrediti dai malviventi che li hanno minacciati con le armi e strattonati.

La banda - tre uomini con il volto coperto e probabilmente di origine italiana - sono riusciti a impossessarsi della borsetta della donna che conteneva cinque euro per poi fuggire via. I rapinatori hanno chiuso i due coniugi nel negozio e sono fuggiti via dopo aver spintonato con violenza e fatto cadere il marito della donna che ha riportato una escoriazione alla mano destra. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mentre i tre criminali erano ormai lontani, la coppia è riuscita ad aprire la porta del punto vendita con le chiavi di riserva e a dare l'allarme ai carabinieri. Sul posto sono intervenuti i militari della compagnia di Seregno che hanno raccolto la testimonianza delle vittime ed effettuato un sopralluogo per avviare le indagini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si butta a terra all'Esselunga: "Ho fame" e gli regalano spesa. Poi sputa alla guardia

  • Mascherina obbligatoria per uscire: 250mila distribuite gratis a Monza e Brianza

  • Coronavirus, in Brianza 111 nuovi casi: al via la distribuzione (gratis) di mascherine

  • Coronavirus, nuova crescita di casi in Brianza: 141 nuovi contagi. A Monza oltre 500 positivi

  • La lettera dell'infermiera del San Gerardo: "Ho stretto le mani di chi moriva solo"

  • Negli ospedali lombardi oggi più dimessi che ricoverati: in Brianza 90 nuovi casi

Torna su
MonzaToday è in caricamento