Rapina in villa da 10mila euro a Paderno ma il colpo fallisce: soccorsa bimba di 11 anni

In casa anche la figlia della coppia, una bambina di 11 anni che è stata soccorsa dal 118. In manette uno dei due malviventi, un 20enne italiano pluripregiudicato

Immagine di repertorio

Hanno suonato il citofono e si sono fatti aprire, approfittando del fatto che oltre all'abitazione della famiglia, in quella palazzina di via Piaggio, a Paderno Dugnano, c'era anche la sede di una ditta di autotrasporti e non era inconsueto che qualche dipendente si presentasse. In due, con il volto coperto dal casco, hanno attraversato il cortile e si sono affacciati dietro la porta dove ad attenderli c'era una donna, pronta a indirizzare quelli che credeva due "ospiti" dal marito. 

E' bastato qualche attimo però per capire che qualcosa non andava e che quelle persone con il casco sul volto non erano lì con buone intenzioni così ha provato a bloccarli e si è messa contro la porta nel tentativo di impedire ai rapinatori di entrare. Tutto inutile però.

E' così che nella serata di venerdì, pochi minuti prima delle 19, due malviventi, armati di coltello, hanno messo in atto una rapina in un'abitazione nel comune milanese alle porte della Brianza. Al momento dell'irruzione, oltre al marito e alla donna c'era anche la figlia della coppia di undici anni. Mentre uno dei due malviventi si è allontanato per cercare l'uomo tra le stanze della casa, l'altro rapinatore ha tenuto bloccata la donna che ha fatto in tempo a far allontanare la figlia chiedendole di chiamare il 112. Sono state proprio le urla della signora, spaventata, a mettere in allarme i vicini che hanno fatto partire la chiamata alle forze dell'ordine. Minuti di terrore in cui i malviventi, che erano riusciti a farsi consegnare una busta con diecimila euro in contanti, credevano di averla fatta franca. Ma poi il colpo di scena.

Mentre uno dei due rapinatori scappava via, l'altro è stato invece bloccato e arrestato. A impedire che anche il secondo uomo, poi identificato in un ventenne italiano, pluripregiudicato, si allontanasse è stata la donna che ha avuto la prontezza di riflessi di chiudere il cancello dopo la fuga del primo malvivente. Il complice è rimasto quindi in "trappola" ed è stato fermato dal marito e da un vicino di casa fino all'arrivo, pochi istanti dopo, dei carabinieri.

Dopo l'allerta diramata dalla centrale operativa, in via Piaggio si è precipitata una pattuglia dei carabinieri della tenenza di Paderno Dugnano che hanno fermato e arrestato il malvivente. Insieme ai militari è arrivata anche un'ambulanza per prestare assistenza alla bambina che, per motivi su cui si sta ancora facendo luce, si sarebbe ferita, forse nel tentativo di scappare. La piccola, che a parte lo spavento pare stia bene, è stata accompagnata in codice giallo in ospedale.

L'intera refurtiva è stata recuperata e sono in corso le indagini per rintracciare il complice riuscito a dileguarsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Monza Maestoso ha aperto le porte: ecco il centro commerciale nato dall'ex cinema

  • Concorso di Natale Esselunga: in palio 100 Mini, bracciali in oro con diamanti e iPhone

  • Incidente in tangenziale Est, schianto tra auto e moto: grave 51enne

  • Incidente tra auto e moto in tangenziale Est, morto 51enne al San Gerardo di Monza

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

  • Travolto e ucciso mentre attraversa la strada, muore ragazzo di 23 anni a Carate

Torna su
MonzaToday è in caricamento