Schiaffi e spinte per derubare 17enne: rapinatore arrestato dopo pochi minuti

L'episodio nella serata di lunedì nel sottopasso in stazione. In fuga i due complici

Carabinieri in stazione - Foto da archivio

Spinte, schiaffi e minacce per qualche decina di euro. Un ragazzo di 19 anni, un cittadino egiziano residente a Milano, è rimasto vittima di una rapina in stazione a Monza. Tre uomini, descritti come stranieri, hanno avvicinato il minorenne e dopo averlo aggredito con violenza per portargli via 50 euro, sono fuggiti, scappando in direzione del sottopasso di corso Milano.

I controlli dei carabinieri e l'arresto

Sul posto, subito dopo la segnalazione fatta ai carabinieri da parte della vittima, sono accorsi i militari del Nucleo Radiomobile della compagnia di Monza che hanno rintracciato uno dei rapinatori, grazie alla descrizione fornita dal 17enne. Si tratta di un giovane di 29 anni originario del Gambia, regolare in Italia, con precedenti per reati contro il patrimonio. Il ragazzo è stato raggiunto e arrestato pochi minuti dopo la rapina in stazione, dove stava per salire su un treno e allontanarsi da Monza. Sono in corso invece le ricerche dei complici riusciti a fuggire.

Ragazzino in ospedale

Per soccorrere il 17enne in stazione è intervenuta anche un'ambulanza: il ragazzo è stato trasferito in ospedale al San Gerardo dove è stato medicato per le contusioni riportate: guarirà in qualche giorno. Il 29enne invece è stato accompagnato in carcere a Monza.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in tangenziale Est, schianto tra due auto e un camion: due morti e due feriti

  • Come eliminare i pesciolini argentati dalle nostre case

  • Paura al mercato di Macherio, si accascia a terra: trasportata in codice rosso all'ospedale

  • Incidente in tangenziale tra auto, furgone e tir: uomo e donna sbalzati sull'asfalto, morti

  • Alle porte della Brianza apre un nuovo supermercato

  • Perde il controllo dell'auto in Valassina, si schianta contro il guard rail e si ribalta

Torna su
MonzaToday è in caricamento