Renate, inquinamento del Bevera: identificati i responsabili

Mille litri di una pericolosa sostanza inquinante sono finiti nel corso d'acqua che scorre tra Renate, Veduggio e Besana.

Un'immagine del liquido nero e putrescente

RENATE - Mille litri di pericolose sostanze tossiche: la macchia nera e putrescente apparsa nei giorni scorsi nelle acque del torrente Bevera tra i comuni di Renate, Veduggio e Besana Brianza proviene da un'azienda tessile. La ditta ha sede proprio a Renate; lo ha accertato la Polizia Provinciale in collaborazione con l'Arpa e le Guardie ecologiche volontarie.

CISTERNA ROVESCIATA - Le pericolose sostanze chimiche sono fuoriuscite da una cisterna che si è rovesciata finendo sul piazzale. La pioggia ha dilavato il tutto, portando il liquido verso tubi e scarichi - sulla cui regolarità sono in corso accertamenti - che finivano nel corso d'acqua del Bevera. I titolari dell'azienda rischiano sanzioni civili e penali per lo sversamento, ma anche per l'omessa denuncia:  sono state le segnalazioni di alcuni cittadini a mettere in allarme la Polizia Provinciale il 2 febbraio, giorno dell'incidente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Monticello: trovati i due giovani che si sono schiantati sulla rotonda a 160 km/h

  • Bimba di 10 anni di Villasanta muore in un incidente mentre è in vacanza con i genitori in Tunisia

  • Grave incidente a Monza di ritorno dopo motoraduno, l'appello: "Aiutateci a trovare il nostro angelo custode"

  • Niente più code per la scelta del medico di base e per le esenzioni: ecco il numero per le prenotazioni

  • Incidente stradale a Varedo, uomo investito e soccorso in codice rosso

  • Tragedia in un'azienda a Casatenovo, operaio muore all'alba

Torna su
MonzaToday è in caricamento