"Usare di meno le lanterne cinesi, alto rischio di incendio nei boschi"

La lettera del presidente del Parco delle Groane ai sindaci del territorio. Questo è il periodo in cui il rischio incendi in generale è maggiore

Ridurre l'uso delle lanterne cinesi: la lettera

Lanterne cinesi sotto accusa perché possono provocare incendi. E se si incappa nel reato di incendio boschivo colposo, si rischia da 1 a 5 anni di pena, oltre al risarcimento del danno erariale, che può arrivare anche a 30 mila euro al giorno per l'attività di spegnimento. 

E poiché questa è la stagione dell'anno in cui è più elevato il rischio di incendi nei boschi, Roberto Della Rovere (presidente del parco delle Groane) ha preso carta e penna e ha inviato una lettera ai sindaci dei sedici comuni del territorio: Arese, Barlassina, Bollate, Bovisio Masciago, Ceriano Laghetto, Cesano Maderno, Cesate, Cogliate, Garbagnate M.se, Lazzate, Lentate sul Seveso, Limbiate, Misinto, Senago, Seveso e Solaro.

L'obiettivo è quello di sensibilizzare le istituzioni affinché tengano alta sia l'attenzione sia la vigilanza, contro il rischio di incendi in generale ma anche perché mettano in atto azioni di dissuasione dall'uso delle lanterne volanti. Nessuna legge ne vieta l'utilizzo, ma è possibile - per i comuni - regolamentarlo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in A4, travolto da un'auto mentre viaggia in bici in autostrada: morto un uomo

  • Incendio a Monza, fiamme in un capannone: evacuata una scuola

  • Fermato mentre guidava sulla Milano-Meda, arrestato spacciatore a Bovisio Masciago

  • Bimba di sei anni sviene mentre è nella vasca e finisce sott'acqua: è gravissima in ospedale

  • Nuova apertura supermercato Coop a Monza, si cerca personale: ecco le offerte di lavoro

  • Desio, camion incastrato sotto il ponte della ferrovia: traffico in tilt e treni in ritardo

Torna su
MonzaToday è in caricamento