Spacca la faccia a un ragazzo e lo manda all’ospedale

I fatti a Renate. Senza alcun motivo, il povero 23enne si è ritrovato travolto da uno tsumani di calci, pugni e schiaffi

Trauma cranico, frattura del setto nasale, il viso tumefatto e parecchi denti assenti all’appello. Era ridotto proprio male, un ragazzo di origini marocchine di 23 anni, dopo essere finito tra le mani di un cittadino senegalese di 29. Senza un motivo apparente, l’energumeno, alto due metri e pesante più di cento chili, ha aggredito il 23enne, ben più esile e magro. Motivo della lite: nessuno, almeno in apparenza.

Semplicemente, il marocchino stava passeggiando in via Concordia a Renate: la stessa strada dove stava transitando il senegalese. Senza alcun motivo, il povero 23enne si è ritrovato travolto da uno tsumani di calci, pugni e schiaffi. Nemmeno quando i carabinieri di Seregno sono arrivati, il senegalese ha smesso di picchiare il suo antagonista. Anzi: quando i militari si sono permessi di chiedergli di smetterla, il violento nordafricano per tutta risposta se l’è presa pure con loro. Sono state necessarie due pattuglie per bloccare il massiccio senegalese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E’ stato arrestato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale, violenza privata e lesioni aggravate. Il marocchino, medicato al pronto soccorso dell’ospedale di Carate Brianza, ha una prognosi di 15 giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I luoghi (che non tutti conoscono) dove fare il bagno in Lombardia

  • Brugherio, incendio nella notte nella pizzeria Lo Stregone: tre famiglie evacuate

  • Coronavirus, un solo nuovo contagio a Monza: sindaco incontra i gestori dei locali

  • Spostamenti fuori regione, la Lombardia rischia di restare "chiusa" altre due settimane

  • Giovani ragazze costrette a prostituirsi in un club privato a Varedo: sette arresti

  • Monza, è morta Rossana Lorenzini, la mamma di Pippo Civati

Torna su
MonzaToday è in caricamento