Sharna, l'autopsia conferma: è morta per strangolamento

L'assassino l'avrebbe tenuta ferma a un ginocchio mentre le stringeva con forza il fazzoletto e la strozzava. L'omicidio sarebbe avvenuto nel pomeriggio stesso del ritrovamento, tra le 4 e le 5

La povera Sharna avrebbe compiuto 19 anni a marzo

E' stata effettuata stamattina a Milano l'autopsia sul corpo di Sharna Abdul Gafur, la 18enne uccisa nel monolocale dello zio in via Gabriele D'Annunzio, a San Rocco.

L'autopsia conferma la morte per strangolamento ed evidenzia anche un'ecchimosi all'altezza dello sterno. Secondo i medici legali, l'assassino potrebbe averla tenuta ferma a un ginocchio mentre le stringeva con forza la sciarpa intorno al collo.

L'ora della morte è collocata tra le 16 e le 17, quindi poco prima che lo zio, rientrando a casa, scoprisse il cadavere sul letto.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Monticello: trovati i due giovani che si sono schiantati sulla rotonda a 160 km/h

  • Bimba di 10 anni di Villasanta muore in un incidente mentre è in vacanza con i genitori in Tunisia

  • Guida una moto senza patente, revisione né assicurazione, multa da oltre 6mila euro

  • Autovelox in Lombardia, dove sono i controlli della velocità dal 9 al 15 settembre: le strade

  • Grave incidente a Monza di ritorno dopo motoraduno, l'appello: "Aiutateci a trovare il nostro angelo custode"

  • Niente più code per la scelta del medico di base e per le esenzioni: ecco il numero per le prenotazioni

Torna su
MonzaToday è in caricamento