Spaccio in un bar di Monza, titolare nasconde undici dosi di cocaina nella lavastoviglie

Al centro dell'indagine della polizia di Stato il locale di via Cellini, per il quale il Questore di Milano ha disposto la chiusura per 15 giorni

Quando ha visto entrare la polizia nel suo locale ha cercato di nascondere la droga nella lavastoviglie, pensando che lì, tra bicchieri sporchi e stoviglie gli agenti non avrebbero cercato. Il movimento del titolare però, che con una rapida mossa ha prelevato qualcosa dalla tasca del grembiule e lo ha nascosto nell'elettrodomestico, non è passato inosservato ai poliziotti che lo scorso 22 novembre, al termine di un'accurata indagine hanno portato alla luce un giro di spaccio di cocaina all'interno dell'Habanero Cafè di via Cellini a Monza.

Il locale nei giorni scorsi è stato chiuso per quindici giorni su disposizione del Questore di Milano e a notificare il provvedimento sono stati gli agenti della polizia di Stato. L'indagine, partita in seguito ad alcune segnalazioni che riferivano che il titolare del bar monzese era dedito anche allo spaccio di cocaina, ha portato all'arresto del gestore e di un altro spacciatore, sorpreso nel locale con sostanza stupefacente.

Dopo un appostamento nei pressi del bar, l'Habanero Cafè, i poliziotti a fine novembre hanno notato entrare e poco dopo uscire un avventore che nascondeva in tasca una dose di cocaina pagata poco prima 40 euro. A quel punto gli agenti sono entrati nel bar e hanno identificato cinque avventori, di cui tre con precedenti penali e di polizia per reati inerenti agli stupefacenti, contro il patrimonio e contro la persona.

Nel corso del controllo, hanno individuato uno spacciatore mentre lasciava cadere due involucri di cellophane, contenenti cocaina. In possesso del pusher c'erano altri undici involucri di cellophane contenenti cocaina insieme a quasi 700 euro in contanti.

Nello stesso momento anche il titolare, sorpreso dalla visita della polizia, ha cercato di liberarsi della droga che nascondeva nella tasca del grembiule e ha riposto un involucro nella lavastoviglie. Qui i poliziotti hanno trovato altre undici dosi di cocaina e contanti per il valore di 280,00 €.

I controlli sono continuati a casa dell'uomo dove la polizia di Stato ha trovato altra droga e oltre mille euro in contanti in un armadio. Al termine dell'indagine per il titolare del locale e per lo spacciatore sono scattate le manette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Monza e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Coronavirus, un caso di contagio in un'azienda ad Agrate: donna ricoverata a Bergamo

  • Coronavirus, primo caso anche a Monza: positivo paziente ricoverato al San Gerardo

  • Coronavirus, il primo giorno di "coprifuoco" per Monza: ecco tutti i divieti nella 'zona gialla'

  • Bar non chiude alle 18 e non rispetta ordinanza sul Coronavirus: scatta la denuncia

  • Lissone, trovato il corpo senza vita di un uomo in un campo in via Toti

Torna su
MonzaToday è in caricamento