Sulbiate, giovane tunisino perde la vita nell'Adda

Non c'è stato nulla da fare per un giovane 24enne residente in paese. Era andato al fiume per cercare un po' di refrigerio. Inutile l'intervento di sommozzatori e vigili del fuoco

La cava degli Spagnoli a Capriate (Bg)

SULBIATE - Morire a 24 anni per un bagno nel fiume. E' finito in tragedia il pomeriggio di relax di un giovane tunisino. Erano le 16,30 di domenica quando Mohammed Habbal, residente a Sulbiate ma operaio in una ditta di Arcore, è entrato nell'Adda per cercare  un po' di refrigerio. Il fatto è accaduto a Capriate San Gervasio (Bergamo), all'altezza di Cava degli Spagnoli.  Nella zona è vietata la balneazione,  e sono presenti cartelli in diverse lingue -  compreso l'arabo - che illustrano i pericoli per chi si tuffa. Un amico del tunisino si è immediatamente gettato in acqua per cercare di portarlo in salvo, ma inutilmente. Il corpo dell'operaio è stato recuperato un'ora dopo dall'intervento dei sommozzatori e dei Vigili del Fuoco di Bergamo, quando era ormai privo di vita. A giugno un altro immigrato, di origine marocchina, era morto a Monza nel canale Villoresi, dove era entrato per cercare riparo dall'afa.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Fanno saltare il bancomat e scappano con 30mila euro: boato nella notte

    • Cronaca

      Degrado e spaccio, la polizia di Stato controlla 52 persone in stazione

    • Incidenti stradali

      Schianto dopo la discoteca, morti carbonizzati Simone e Massimiliano

    • Incidenti stradali

      Tragico schianto dopo la discoteca, morti due uomini: i corpi carbonizzati in auto

    I più letti della settimana

    • Inaugurato ad Agrate Brianza il Centro Ingrosso Cina

    • Bimbo di quattro anni solo in strada, i poliziotti lo riconsegnano al padre

    • Ad Agrate Brianza inaugura il centro commerciale Cina Mercato

    • Morta ad appena 45 anni, ritrovata senza vita in casa solo dopo un mese

    Torna su
    MonzaToday è in caricamento