Monza, sulle divise della polizia locale arrivano le "body cam"

In arrivo 18 telecamere da installare sulle divise degli agenti monzesi. Il prossimo anno ad arricchire la strumentazione ci saranno anche i teaser

Foto da archivio

Sulle divise degli agenti della polizia locale di Monza arrivano le telecamere. Si tratta di “body cam”, occhi elettronici mobili, da appendere alle divise, in grado di riprendere quanto accade durante le operazioni di sicurezza urbana, rispettando il codice della privacy, con la visuale dell’occhio umano.

L’Amministrazione Comunale, con delibera 115 del 14 maggio, ha messo nero su bianco la partecipazione al bando regionale che finanzia "l’acquisto di dotazioni tecnico strumentali destinate alle Polizie Locali" (L.R. 6/2015, art. 25). Quanto ripreso dalle telecamere (ne arriveranno diciotto) potrà essere usato come fonte di prova certa nei procedimenti penali. 

“Le telecamere potranno essere utilizzate durante le operazioni di controllo del territorio. Questi nuovi strumenti miglioreranno il lavoro degli agenti di Polizia locale durante il lavoro, perché, fungendo da deterrente, saranno molto utili per la loro incolumità tutelandoli maggiormente dalle aggressioni. E migliori condizioni di lavoro per le donne e gli uomini della Polizia Locale significa più sicurezza per i cittadini” ha specificato l’assessore alla Sicurezza Arena.

Le bodycam saranno usate dagli agenti in servizio esterno, soprattutto in zone ad alto rischio, come ad esempio la Stazione. Ciò consentirà anche un continuo e preciso monitoraggio delle «zone rosse» dove sono emerse gravi situazioni legate a fenomeni di disagio sociale e degrado urbano.

Dopo le body cam, per gli agenti del comando di via Marsala, il prossimo anno arriveranno anche i dispositivi «teaser». Un collegamento wirless consentirà alle telecamere di accendersi automaticamente nel momento in cui si attiva la pistola elettrica. Ciò consentirà di riprendere eventuali situazioni critiche senza che l’agente possa perdere la concentrazione.

Il costo per l’acquisto della strumentazione sfiora i trentamila euro (27.014,46 euro). Se finanziato, Regione Lombardia contribuirà al progetto con un cofinanziamento pari all’85% dell’investimento complessivo, fino a un massimo di venti mila euro. La graduatoria dei progetti approvati sarà pubblicata entro il 25 luglio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il trucco a cui fare attenzione? Ha a che fare con una bottiglietta d’acqua

  • Precipita per diversi metri dal palazzone abbandonato di Desio: 32enne gravissima

  • Tragico incidente in moto: morto un uomo di 53 anni di Giussano

  • Controlli in un'officina a Muggiò, scoperto deposito di auto che "scottano"

  • Niente più code per la scelta del medico di base e per le esenzioni: ecco il numero per le prenotazioni

  • Tragedia in un'azienda a Casatenovo, operaio muore all'alba

Torna su
MonzaToday è in caricamento