Danni e devastazione alla stazione di Ceriano Laghetto, nei guai quattro baby vandali

Hanno tra i 15 e i 19 anni. A identificarli sono stati i carabinieri della compagnia di Desio

Immagine di repertorio

Hanno devastato la stazione di Ceriano Laghetto-Solaro. Più raid – tutti nei primi giorni di dicembre - nei quali erano state divelte insegne, cartelloni, panchine. Pezzi di lamiera erano stati lanciati sui binari, con il rischio di interrompere la circolazione dei treni.

Ora i carabinieri di Desio sono riusciti a scoprire chi sono i vandali. E la sorpresa è che dei quattro teppisti, tre sono minorenni e il quarto ha solo 19 anni. Sono stati tutti denunciati per danneggiamenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’identificazione è stata possibile grazie ai fotogrammi delle telecamere a circuito chiuso della stazione. Certosino il lavoro delle forze dell’ordine, prima di arrivare all’identificazione. I ragazzi, tutti italiani di Ceriano Laghetto, uno di 19, due di 16 e uno di 15 anni, sono stati convocati in caserma con i loro genitori. Papà e mamma, sotto choc, si sono mostrati disponibili a rimborsare i danni, che ammontano a circa 15mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sopra il cielo di Monza, la magia della stella cometa Neowise

  • Trenta ragazzi al parchetto, arriva la polizia locale: due denunce e polemiche sui social

  • "Rave party" in strada a Monza: nel caos, un uomo viene aggredito brutalmente e rapinato

  • Paura a Vimercate, si accascia a terra: trasportata in codice rosso all'ospedale

  • Non compila autocertificazione, infermiera non entra in piscina: "Io discriminata"

  • Schianto in moto sulle strade del Trentino, morto 43enne di Cesano Maderno

Torna su
MonzaToday è in caricamento