Stop ai venditori abusivi all'Ospedale San Gerardo: nel parcheggio arrivano i vigilantes

Venditori abusivi e accattoni sono spariti dal parcheggio dell'Ospedale San Gerardo. Dall'inizio della settimana stanno alla larga da chi lascia l'auto di fronte al nosocomio cittadino

Il parcheggio dell'ospedale San Gerardo

MONZA – Venditori abusivi e accattoni sono spariti dal parcheggio dell’Ospedale San Gerardo. Dall’inizio della settimana stanno alla larga e la soluzione a un fenomeno fastidioso che si manifestava da anni è stata semplice: è bastato attivare un presidio costante della zona da parte di alcuni vigilantes.

LA CARITA' IMPOSTA - E’ partita infatti lunedì la sperimentazione del servizio di vigilanza all’interno dell’area dei grandi parcheggi dell’ospedale e del Parco e, in questi primi giorni, gli abituali gruppi di abusivi e questuanti che si rivolgevano alle persone spesso con insistenza e a volte anche con eccessi di invadenza, i primi risultati si sono visti. Si tratta di un servizio richiesto dall’assessorato alla Sicurezza come integrazione alle azioni di pattugliamento già attive da tempo ed è realizzato da Tpm spa, la società comunale che ha in gestione la sosta a pagamento di superficie in città, tra cui appunto i due grandi parcheggi in questione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL SERVIZIO - L’attività di presidio è stata affidata a una società privata che fornisce il personale operativo tutti i giorni dalle 8 alle 20, dal lunedì al venerdì garantendo una presenza costante al parcheggio dell’ospedale e organizzando circa 5 passaggi giornalieri dal parcheggio del Parco, mentre sabato e domenica si inverte l’impegno dedicando più tempo alla zona Parco maggiormente frequentata. In questa fase l’attività è in prova per tre mesi, al costo di 4.500 euro al mese, e se confermerà i risultati previsti, sarà fatta una gara d’appalto per affidare il servizio in modo definitivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "C'è un serpente nel mio giardino": chiama l'Enpa ma i volontari lo trovano morto con ferita in testa

  • Lite tra automobilisti degenera, agenti aggrediti all'incrocio: quattro denunce

  • Positivo al Covid esce e va in giro: uomo denunciato per 'diffusione di malattia infettiva'

  • Monza, è morta Rossana Lorenzini, la mamma di Pippo Civati

  • Il bando per arruolare 60mila assistenti civici: saranno i 'controllori' (volontari) della Fase 2

  • Forti temporali e maltempo, allerta "arancione" a Monza e Brianza

Torna su
MonzaToday è in caricamento