E-vai public: auto green in condivisione anche a Meda

La società di car sharing del Gruppo FNM sbarca in Brianza

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

Un innovativo modello di car sharing che prevede l’utilizzo condiviso di veicoli elettrici di ultima generazione tra amministrazione comunale e cittadinanza, in fasce orarie diverse e compatibili tra loro. È il servizio E-Vai PUBLIC, che nasce dalla collaborazione tra la società di car sharing del Gruppo FNM e il Comune di Meda (MB), una delle prime amministrazioni locali in Lombardia ad avviare questa tipologia di servizio. E-Vai PUBLIC propone una soluzione di mobilità sostenibile adottabile da tutte le amministrazioni interessate a una gestione più efficiente della flotta comunale e a una riduzione del parco autovetture circolante sul territorio. Il Comune di Meda si è dotato di due veicoli completamente elettrici, con autonomia di 400 chilometri, messi a disposizione del proprio personale per svolgere le attività lavorative dal lunedì al venerdì dalle 08.00 alle 18.00. Alla chiusura degli uffici i veicoli sono invece noleggiabili dai cittadini che possono richiederli, dopo essersi registrati al servizio, dal sito www.e-vai.com o al numero verde 800.77.44.55, ritirandoli e riconsegnandoli presso la stazione di ricarica in Piazza della Stazione. Il servizio sarà disponibile per i cittadini dall’11 maggio. L’innovativo modello E-Vai PUBLIC offre vantaggi sia per i Comuni sia per la cittadinanza. L’amministrazione comunale raggiunge l’obiettivo di adottare un parco macchine ecologico, abbattendo l’impatto ambientale della propria flotta, offrendo al contempo un servizio aggiuntivo alla cittadinanza, con la presenza di un car sharing in territori non raggiunti da altri operatori del settore. Il cittadino ovviamente può usufruire della comodità di disporre di un autoveicolo elettrico per le proprie esigenze di mobilità senza assumersi gli oneri della proprietà del mezzo.

Torna su
MonzaToday è in caricamento