C'è l'accordo alla Candy di Brugherio: nessun licenziamento nei prossimi due anni

I lavoratori hanno approvato l'accordo siglato tra azienda e sindacati

Lavoratori Candy (immagine repertorio)

Non ci saranno licenziamenti alla Candy di Brugherio nei prossimi due anni. Nella giornata di martedì 18 settembre è stato approvato con il 65% dei voti l'accordo sottoscritto tra azienda e sindacati.

Il testo prevede, per il primo anno, un anno di cassa integrazione straordinaria con un aumento dell'orario di lavoro; mentre per il secondo anno prevede un ulteriore aumento dell'orario di lavoro in assenza di cassa integrazione. Tutto grazie alla rimodulazione di altri aspetti contrattuali e all'aumento di macchine prodotte ( da 300mila all'anno a 500 mila). 

“Siamo molto soddisfatti che le lavoratrici e i lavoratori di Candy abbiano espresso un giudizio favorevole — ha commentato Angela Mondellini, segretario generale della Fiom Monza e Brianza —. Da mesi discutiamo di un’impostazione che tuteli tutta l’occupazione e metta in sicurezza lo stabilimento di Brugherio”. Paolo Mancini, coordinatore Rsu della Fiom ha aggiunto: “Abbiamo compiuto un atto di grande coraggio e solidarietà che tutela il nostro posto di lavoro oggi, ma anche in prospettiva futura”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Monza e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Pitbull azzanna padrone ai genitali, 40enne uccide il suo cane per salvarsi

  • Coronavirus, primo caso anche a Monza: positivo paziente ricoverato al San Gerardo

  • Coronavirus, contagi anche nel Milanese. Chiuse le università lombarde

  • Nova Milanese, azzannato alle parti intime dal suo cane: 40enne in ospedale

  • Coronavirus, 89 casi in Lombardia: Carnevale rinviato a Monza e in alcuni comuni brianzoli

Torna su
MonzaToday è in caricamento