La Regione vuole trasformare la Brianza nella "Capitale delle nocciole"

La giunta Fontana metterà in atto una serie di iniziative per favorire questo tipo di coltura

Immagine repertorio

"La Lombardia scommette sulle nocciole come futuro dell’agricoltura in Brianza e nella fascia collinare e montana lombarda. Nel 2019 infatti la Giunta Fontana metterà in atto una serie di iniziative per favorire questo tipo di coltura, oggi poco diffusa sul territorio regionale, ma con grandi prospettive di crescita e di reddito per gli agricoltori e per i giovani." Lo riferisce in una nota Alessandro Corbetta, consigliere regionale leghista. 

"Stiamo parlando – spiega Corbetta – di una grande possibilità di sviluppo per i nostri territori che potrà garantire lavoro, turismo e prodotti di qualità. L’Italia è il più grande consumatore mondiale di nocciole, utilizzate su larga scala nell’industria alimentare, ma siamo costretti a importare dalla Turchia fino al 30% del nostro fabbisogno. Le grandi aziende dolciarie richiedono però sempre di più nocciole made in Italy e stanno investendo molto in questa direzione. Si tratta di un business in forte crescita, un treno che la Lombardia non può perdere e proprio per questo è necessario attivarci immediatamente per promuovere questa coltura." Il Consiglio regionale nelle ultime sedute – viene ricordato nella nota - ha votato all’unanimità un provvedimento, presentato proprio da Corbetta, che impegna la Giunta a muoversi nella direzione di creare un distretto lombardo delle nocciole. 

"Oggi in Lombardia – prosegue Corbetta - la coricoltura è poco diffusa: coltiviamo solo 127 ettari sui 71 mila nazionali. Abbiamo però intere zone con terreni agricoli abbandonati o che necessitano di essere riconvertiti perché non più redditizi. In particolare la fascia collinare pedemontana e l’area di media montagna potrebbero prestarsi egregiamente alla coltivazione di nocciole, come già avviene nel vicino Piemonte. Il primo passo è quello di promuovere un incontro tecnico tra i produttori e le associazioni di categoria e in seguito inserire misure specifiche nel piano di sviluppo rurale e nella PAC atte a garantire un sostegno al reddito per i primi 5 anni necessari affinché un noccioleto produca interessanti quantità di reddito: Regione Lombardia – conclude Corbetta - è determinata a seguire questa strada e arrivare in breve tempo a creare un distretto lombardo della nocciola." 

L’idea di puntare su questo tipo di coltura – è riferito nella nota - è venuta all’assessore all’agricoltura Fabio Rolfi e al consigliere regionale Alessandro Corbetta dopo una visita avvenuta nei mesi scorsi in una realtà avviata a Besana in Brianza (Mb) da parte di Giacomo Citterio, un giovane agricoltore brianzolo. 

Potrebbe interessarti

  • Le 5 migliori gelaterie di Monza e Brianza

  • Via dalla città: i 5 migliori luoghi per un pic-nic in Lombardia

  • Tutti i consigli per tenere lontane le formiche dalla propria casa

  • Falangio, la pianta capace di purificare l'aria

I più letti della settimana

  • C'è una bomba da disinnescare, chiusi alcuni tratti dell'autostrada A4 domenica 16 giugno

  • Fan e sostenitori fuori dalla casa pignorata di Morgan a Monza: sfratto rinviato

  • Malore mentre è in bici, morto un uomo brianzolo di 56 anni

  • Malore alla guida, perde il controllo ed esce fuori strada: elisoccorso in Valassina

  • Intelligenza artificiale per assumere: ecco come cambiano i colloqui in Esselunga

  • Ricattano un prete dopo un incontro sessuale: cinque arresti in Brianza

Torna su
MonzaToday è in caricamento