Il testamento di Caprotti: lascia il controllo di Esselunga alla moglie e alla figlia minore

Il fondatore del noto supermercato si ricorda anche della sua storica segretaria

C'era grande attesa per conoscere il testamento di Bernardo Caprotti (la vita), il patron di Esselunga scomparso venerdì.

Il Dottor Caprotti ha lasciato il controllo di Supermarkets italiani - Esselunga - alla moglie Giuliana Albera e alla figlia Marina, che dispongono ora del 66,7 percento della società, grazie alla quota del 25 percento di cui poteva disporre il fondatore e che ha loro ceduto.

Lo si apprende al termine dell'incontro presso lo studio Marchetti a Milano a cui ha partecipato anche il figlio del fondatore di Esselunga Giuseppe Caprotti. A Giuseppe e Violetta, figli del primo matrimonio e con i quali in passato c'erano stati diversi momenti di rottura, Caprotti lascia - per legge - il 16,6 percento ciascuno.

Caprotti poi non si è dimenticato nemmeno della storica segretaria. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Maria
    Maria

    Sinteresi

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Monzese trovata morta in casa: si cerca il figlio 21enne della donna

  • Incidenti stradali

    Ragazzo investito a Crema, 18enne lotta per la vita al San Gerardo

  • Cronaca

    Auto travolta da un torrente, trovata senza vita donna brianzola dispersa

  • Incidenti stradali

    Incidente a Missaglia, auto si schianta contro un muro: feriti 4 giovani

I più letti della settimana

  • Alessandro e Andrea, gemelli nati a due mesi di distanza: il caso "eccezionale" a Monza

  • Incidente tra due auto in via Cavallotti, una si ribalta: sei ragazzi feriti. Foto

  • Pioltello, badante trovata morta in casa: il cadavere scoperto nella camera da letto

  • Milano, 16enne disabile massacrato a calci in faccia al Parco Nord: bullo piange per l'arresto

  • Cosa fare a Monza nel ponte di Pasqua, Pasquetta e 1° maggio

  • I 5 luoghi abbandonati più affascinanti di Monza e provincia

Torna su
MonzaToday è in caricamento