Equal Pay Day 2017 - Giornata europea per l'eliminazione del divario salariale

Per il terzo anno consecutivo, FIDAPA BPW Italy sezione di Monza e Brianza promuove il PROGETTO EPD SCUOLE incontrando gli studenti del quarto e quinto anno della scuola superiore di secondo grado ed affrontando con loro l’argomento della disparità retributiva di genere.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

A parità di qualifica e di lavoro svolto, le donne europee guadagnano in media il 16% in meno rispetto ai loro colleghi maschi. Questo significa che, per avere lo stesso salario che un uomo riceve in un anno, una donna deve lavorare oltre due mesi in più. Studi svolti in diverse nazioni dimostrano che l'eliminazione di questa disparità retributiva tra uomini e donne avrebbe un impatto positivo sia sull'economia, perché sono le donne le principali acquirenti in una famiglia, sia sulla produttività del Paese: l'aumento dell'occupazione femminile e la diminuzione del gap retributivo si tradurrebbero infatti in un significativo incremento del PIL, consentendo al contempo di finanziare l'aumento della spesa pubblica per le famiglie. Nel 1988, per sensibilizzare l'opinione pubblica su questo tema e mobilitare tutti i soggetti coinvolti, grazie alla Business and Professional Women BPW americana è stato istituito l'Equal Pay Day (Giornata della parità retributiva) e creata la "Red Purse Campaign" (Campagna della borsa rossa). La campagna di sensibilizzazione è approdata in Europa nel 2008 (per prima in Germania), grazie alla BPW International, e nel 2011 anche la Commissione europea ha deciso di promuovere l'iniziativa sulla parità salariale, alla quale hanno già aderito 17 paesi dell'Unione. In Italia, la campagna Equal Pay Day è nata grazie all'azione di FIDAPA BPW ITALY. A Monza l'iniziativa viene portata avanti dalla sezione FIDAPA BPW ITALY di Monza e Brianza che, per il terzo anno consecutivo, promuove il PROGETTO EPD SCUOLE incontrando gli studenti del quarto e quinto anno della scuola superiore di secondo grado ed affrontando con loro l'argomento della disparità retributiva attraverso la proiezione di slide e video e la lettura di articoli che possano stimolare riflessioni e dibattito. Il primo appuntamento di FIDAPA BPW ITALY di Monza e Brianza con gli studenti è fissato per l'8 marzo 2017, Giornata internazionale della donna, alle ore 11.15 presso l'Istituto Statale Istruzione Superiore "Europa Unita" di Lissone. "L'8 marzo non porteremo mimose ma borse rosse, che rappresentano simbolicamente le cifre negative nei portafogli delle donne. - spiega Paola Cairoli, Presidente di FIDAPA BPW ITALY sezione di Monza e Brianza - Ci fa piacere di poter parlare di parità retributiva proprio l'8 marzo, data in cui si ricordano sia le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, sia le discriminazioni e le violenze di cui sono state o sono ancora oggetto in molte parti del mondo. Continuiamo anche nel 2017 il nostro impegno nelle scuole affinché la diffusione della conoscenza e la condivisione di buone pratiche consentano alla società di compiere un ulteriore passo avanti nella direzione delle pari opportunità. Secondo il diritto comunitario è illegale discriminare le donne sul lavoro e nella loro retribuzione: la parità di retribuzione per pari lavoro è infatti uno dei principi fondatori dell'Unione Europea, ma è importante che i ragazzi siano consapevoli che ancora oggi nel lavoro la parità salariale, intesa anche come condizione di accesso al lavoro, non esiste e si pongano l'obiettivo di volerla raggiungere." La disparità retributiva tra i generi si è ridotta di poco negli ultimi 15 anni. Secondo uno studio della London School of Economics, l'adeguamento delle retribuzioni fra donne e uomini a livello mondiale sarà raggiunto solo tra 150 anni. "La strada da percorrere è ancora molto lunga e saranno le generazioni future a beneficiare di tutta l'attività che oggi molti enti e organizzazioni stanno svolgendo in tutto il mondo. Come FIDAPA Monza e Brianza abbiamo scelto di fare la nostra parte investendo soprattutto sui giovani, ormai donne e uomini del nostro tempo e del tempo futuro. Colmare questo divario retributivo tra i generi significherebbe non solo migliorare l'indipendenza economica delle donne valorizzando le loro competenze, ma anche e soprattutto rendere l'economia nel suo complesso più redditizia e capace di contribuire a creare una società più equa."

Torna su
MonzaToday è in caricamento