"Quotidianità di un dramma. Convivere con la demenza", spettacolo gratuito al Binario 7

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 11/10/2019 al 11/10/2019
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Venerdì 11 ottobre alle ore 21.00 la sala Picasso del teatro Binario 7 di Monza ospiterà la rappresentazione “Quotidianità di un dramma. Convivere con la demenza”. Lo spettacolo teatrale messo in scena dalla compagnia La Piccola Ribalta E. Maghini di Melegnano racconta, attraverso episodi della vita quotidiana e domestica, qual è il modo migliore per approcciarsi alle persone affette da demenza.

L’iniziativa rientra nel programma di appuntamenti della “Comunità amica della demenza” sostenuta dal Comune di Monza insieme a Dementia Friendly e in collaborazione con Anni Azzurri. La rappresentazione è a ingresso gratuto, con prenotazione (telefonando al n. 0392374338 o via mail a sociali.anziani@comune.monza.it). 

Portare in scena la demenza per conoscerla

Secondo i dati ATS sono circa 1.300 nell’ambito della città di Monza le persone affette da demenza che vivono al domicilio con i propri cari. A queste, se ne aggiungono circa 600, ospitate nelle strutture che sul territorio si occupano dell’assistenza alla persona fragile. Si tratta di numeri significativi ma basati su stime in difetto, che non includono casi non conclamati e gli stadi inziali della malattia.

A partire da questo dato e facendo propria la sfida lanciata dalla Fondazione Alzheimer Italia, la città di Monza ha intrapreso un percorso per diventare “Comunità amica della demenza”. Un tavolo di lavoro che coinvolge i rappresentanti delle istituzioni, di ordini professionali, dei gestori di servizi territoriali e delle numerose realtà del volontariato, con l’obiettivo di condividere buone pratiche. Tra questi, il gruppo italiano Anni Azzurri specializzato nell’assistenza agli anziani che opera in Italia con oltre 50 strutture dedicate alla terza età.

Antonio Monteleone, curatore delle relazioni scientifiche di Anni Azzurri e autore dei testi dello spettacolo, sottolinea: “Portare su un palcoscenico il dramma quotidiano di tante famiglie serve anche a sconfiggere lo stigma di cui sono tuttora vittime le persone affette da demenza e le famiglie che le accudiscono. Per aiutare i caregiver abbiamo pensato di mettere in scena questa rappresentazione teatrale che mostra gli atteggiamenti e fa sentire le parole più appropriate in diverse situazioni, spesso drammatiche, che si presentano nell’assistenza quotidiana alla persona affetta da demenza”. 

L’assessore alle politiche sociali del Comune di Monza, Désirée Merlini, commenta l’iniziativa: “Ospitiamo questa rappresentazione con un obiettivo ambizioso e molto sfidante, ovvero quello di combattere i pregiudizi e le discriminazioni che fanno della demenza una delle malattie più temute e incomprese dei nostri tempi. Il lavoro che svolgiamo ogni giorno sul territorio, anche con queste iniziative di carattere culturale, è finalizzato all’inclusione dei malati e delle loro famiglie nella vita sociale della nostra comunità”.

Lo spettacolo

“Quotidianità di un dramma. Convivere con la demenza”  è tratto dai testi di Antonio Monteleone, con la regia di Piero Marco Pavesi.

La voce guida del narratore, Alfredo Colina, accompagna lo spettatore all’interno della stanza di un’abitazione semplice e abbastanza spoglia dove si consuma la quotidianità di gesti semplici, minati però dal decadimento cognitivo causato dalla malattia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Royal Dalì in Villa Reale

    • dal 7 dicembre 2019 al 20 novembre 2020
    • Villa Reale Monza
  • Giappone, terra di geisha e samurai: la mostra alla Villa Reale

    • dal 20 gennaio al 2 giugno 2020
    • Villa Reale
  • Corso di danze ottocentesche in Villa Reale

    • dal 3 ottobre 2019 al 18 giugno 2020
    • Villa Reale Monza
  • Arrosticini vs bombette festival: a Cinisello arriva lo street food

    • Gratis
    • dal 29 marzo al 2 giugno 2020
    • piazza Gramsci, Cinisello
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    MonzaToday è in caricamento