Campus estivi: un'occasione per imparare divertendosi

Ecco perché è importante che i propri figli frequentino il giusto campus estivo, stando alla larga dall'eccessivo utilizzo della tecnologia e socializzando con altri bambini, apprendendo col sorriso

Terminato il periodo scolastico, è tempo di decidere quale campus estivo sia il migliore per i propri bambini. È bene che trascorrano questa fase dell’anno all’aria aperta, socializzando, e non rinchiusi in camera dinanzi a una console.

Prima di procedere all’iscrizione occorre però tener conto di svariati fattori, che vanno al di là della vicinanza alla propria abitazione e il costo previsto per l’abbonamento. È fondamentale tener conto delle passioni e degli interessi dei propri figli, evitando che un’esperienza piacevole possa trasformarsi in un incubo. Se scelto con attenzione, un campus estivo può rivelarsi un punto di svolta chiave per la crescita dei bambini.

Campo estivo Verdestate - Via per Biassono 1

Nel 2019 tutti i centri estivi del gruppo META si uniranno in una grande avventura, denominata L’albero dei Desideri. L’idea principale è quella di condurre i bambini in un viaggio alla riscoperta dell’avventura. I bambini si ritroveranno dunque a seguire una storia che farà da collante durante le varie attività del campus, con processi d’apprendimento non preimpostati, al fine di garantire a ogni piccolo di individuare la propria via, con motivazioni personali. Il campus è aperto ai bambini dai 3 ai 14 anni, con tre programmi differenti e fasce di prezzo specifiche.

ART Campus - Viale Casalta 2

Bambini dai 3 ai 14 anni possono prendere parte agli ART Campus, per trascorre le vacanze all’insegna dell’educazione artistica. Svariati i laboratori cui i piccoli potranno prendere parte dalle 9.00 del mattino alle 16.00. Particolare attenzione viene rivolta all’espressione pittorica, con i genitori che dovranno garantire i necessari strumenti, indicati dagli organizzatori.

Summer Camp Happy English - Via Ghirlanda, 5

Apprendere l’inglese in tenera età è importante. Farlo col sorriso sulle labbra riesce a garantire ottimi risultati, avviando i più piccoli a un apprendimento sereno e non stressante, acquisendo uno strumento fondamentale. Porte aperte ai bambini dai 3 agli 11 anni, affiancati da tutors e professionisti, apprendendo l’inglese tra attività creative, musicali, ludiche e sportive.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Comprare libri per la scuola a Monza: dove farlo, in negozio oppure online (e averli a casa in 24 ore)

  • Gli adolescenti e lo smartphone: ecco come utilizzano la tecnologia a scuola

  • Diventare ostetrica: studi e sbocchi professionali

  • Come diventare fumettista

Torna su
MonzaToday è in caricamento