Il concorso per gli studenti italiani: in palio una visita a Bruxelles

Raccontare con un video la propria idea di Unione Europea: è il concorso lanciato dal MIUR, che premierà tre scuole superiori italiane

Designed by Freepik

Il gradimento dei giovani nei confronti dell’Europa è in aumento. A dirlo è una ricerca Eurobarometro del 2019, effettuata su tutti gli Stati membri dell'Unione Europea. L’affluenza alle elezioni europee del 2019 è aumentata di 8 punti percentuali, arrivando ad un 50,6%. Dal sondaggio si evince che questo significativo aumento di affluenza alle urne è dovuto proprio ai giovani che si recano a votare per la prima volta: ben il 42% dei votanti, in tema di elezioni europee, è infatti costituito da persone tra i 16/18 e i 24 anni. 


A fronte di questo, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca MIUR, e il Dipartimento per le Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, hanno pubblicato il bando di concorso “Comunica l’Europa che vorresti”, rivolto a tutti gli studenti italiani delle scuole secondarie di secondo grado.

L’idea nasce con lo scopo di stimolare i più giovani ad analizzare in modo positivo l’idea di Unione Europea, comunicando queste riflessioni attraverso un video. Il concorso, infatti, consiste nel realizzare un video della durata di tre minuti, con una videocamera o con lo smartphone, che racconti in maniera creativa la visione dell’Unione Europea di chi è “nato europeo”. Il video dovrà essere realizzato come classe, e non verranno presi in considerazione lavori realizzati dai singoli studenti. Analizzati da una commissione, i lavori svolti insieme ad una scheda tecnica vedranno tre classi vincitrici, le quali potranno visitare le istituzioni europee a Bruxelles.

Questo viaggio premio sarà organizzato dal Dipartimento per le Politiche Europee e dal Miur, insieme agli uffici del Parlamento europeo e della Commissione Europea. Una gita di classe con merito, insomma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Iscrizioni: il Liceo Scientifico piace sempre di più

  • Asilo a casa: cos’è la tagesmutter

Torna su
MonzaToday è in caricamento