Scuola a distanza: come la vivono gli studenti?

Con l'anno scolastico che sta per finire, è tempo di bilanci: come hanno vissuto la didattica a distanza i ragazzi?

Durante questi mesi di emergenza da Coronavirus, gli ovvi motivi di sicurezza hanno portato le scuole a dover chiudere. Per i ragazzi l’aula è diventata la cameretta mentre i professori sono diventati il pc o il tablet. Questo per via dello smart learning, semplicemente scuola e lezioni seguite da casa in versione digitale: gli studenti (in alcuni casi anche i genitori) hanno dovuto imparare a caricare i compiti sulle piattaforme digitali, e trovare la giusta attenzione per seguire le lezioni in videochiamata.  

Ma qual è il rapporto di ragazzi e genitori con dispositivi elettronici come pc e tablet? Ma soprattutto come è stato l’approccio con le app o i programmi per la condivisione?

Se da un lato lo studio digitale ha portato qualche problemino di organizzazione quotidiana e gestione del tempo, dall’altro la didattica da tastiera ha portato all’interno delle scuole un’accelerazione digitale notevole.

Un sondaggio effettuato da Wiko all’interno della comunità di Instagram ci aiuta a capire come gli studenti stanno vivendo questa situazione. Con l’apertura degli istituti ancora lontana, dal sondaggio emerge un dato particolarmente interessante: contrariamente da quello che ci si aspetta, ben il 53% dei ragazzi intervistati ha nostalgia della scuola, sia delle lezioni in aula che dei compagni. 

Raggiungono invece una percentuale del 70%  gli studenti che hanno seguito almeno una lezione a distanza, con il 41% di questi che si ritiene, nonostante le difficoltà, abbastanza soddisfatto. Il 61% dei ragazzi ha dichiarato di aver dovuto risolvere almeno un problema durante lo studio a distanza. Si tratta di inconvenienti provocati dallo scarso segnale, o da un audio non proprio pulito. Un dato simpatico riguarda invece quel 45% che ha dichiarato di aver fatto almeno una figuraccia a causa del microfono dimenticato aperto, o per via di rumori o frasi da parte di fratelli o genitori. Insomma, a quanto pare sembra che il rapporto forzato con la tecnologia si sia dimostrato un po' travagliato. 

E per quanto riguarda il look? L’85% dei giovani intervistati ha dichiarato di indossare la prima cosa che capita piuttosto che perdere tempo nella scelta della maglietta giusta. I più pigri, invece, in una percentuale del 41% dichiarano di restare in pigiama per le lezioni (l’importante è ricordarsi di non accendere la webcam). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Terminate le lezioni, il 67% dei ragazzi interpellati preferisce tornare subito sui social network, scegliendoli come primo strumento per l’intrattenimento, l’informazione e il contatto con l'attualità, preferendoli ai telegiornali.  Un ultimo dato interessante riguarda i nostalgici dei banchi di scuola che, seppur felici di tornare (si spera presto) in classe, nel 60% troverà dura rinunciare a svegliarsi più tardi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 5 corsi di cucina da seguire online se sogni di diventare chef

  • Prestito per gli studi: la start-up che agevola l'accesso al credito

Torna su
MonzaToday è in caricamento