Enpa Monza, è allarme tartarughe: "Vengono abbandonate nei laghetti e nelle fontanelle"

I volontari di via San Damiano lanciano un appello ai proprietari

È allarme abbandono tartarughe a Monza. Nell'ultimo mese sono arrivate una decina di testuggini nella struttura di via San Damiano: tartarughe abbandonate dai proprietari nelle pozze d'acque ella città (laghetti del Parco, ma anche nelle fontanelle).

Il motivo? Da alcuni mesi per vivere con alcune tartarughe bisogna denunciarne il possesso. "Non si tratta di un capriccio dell'ultim'ora, né queste tartarughe sono diventate improvvisamente antipatiche — rimarcano i volontari con una nota —. Il fatto è che si tratta di specie altamente invasive che hanno finito con l'alterare gli ecosistemi in cui sono state introdotte".

E le specie da denunciare sono tre: le testuggini a guance gialle (Trachemys scripta scripta), di quella dalle orecchie rosse (Trachemys scripta elegans) e dalle orecchie arancioni (Trachemys scripta troostii). La registrazione è gratuita: basta scaricare, compilare e restituire questo modulo entro il 13 agosto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Monza e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Coronavirus, un caso di contagio in un'azienda ad Agrate: donna ricoverata a Bergamo

  • Coronavirus, primo caso anche a Monza: positivo paziente ricoverato al San Gerardo

  • Coronavirus, il primo giorno di "coprifuoco" per Monza: ecco tutti i divieti nella 'zona gialla'

  • Bar non chiude alle 18 e non rispetta ordinanza sul Coronavirus: scatta la denuncia

  • Lissone, trovato il corpo senza vita di un uomo in un campo in via Toti

Torna su
MonzaToday è in caricamento