Pay What You Want!, ecco l'ostello dove a decidere la tariffa sono gli ospiti

L'Ostello del Monte Barro lancia l'iniziativa "Paga quanto vuoi!": a febbraio a decidere la tariffa saranno gli ospiti

Una vista mozzafiato sui colli briantei, il relax di un soggiorno immersi nella natura nella splendida cornice del Parco Monte Barro, nelle preapli lecchesi, a due passi da Monza, e nessuna sorpresa a fine soggiorno.

All'Eco-Ostello Parco Monte Barro, in provincia di Lecco, per tutto il mese di febbraio la tariffa del soggiorno la decidono gli ospiti. Con l'iniziativa "Pay what you want" sarà possibile stabilire il prezzo dell'alloggio con la formula dedicata.

"Il cuore dello scambio economico, con questa iniziativa, si sposta tutto sull’ospite, che sarà libero di decidere quanto pagare, in base alla qualità del servizio ricevuto e alla volontà di premiare l’ecosostenibilità dell’ospitalità" spiega Legambiente che dal 2013 gestisce la struttura.

L’idea, è quella di fare sì che il normale processo di pagamento non si riduca a un mero scambio di denaro, ma possa essere anche una modalità per mettere in gioco il senso di correttezza e di responsabilità dell’ospite: la sfida è quella di fare dello scambio economico un processo condiviso di costruzione dei valori che devono animare una comunità, quali l’onestà, la trasparenza e la partecipazione.

Un modo differente di fare economia e turismo, puntando su valori etici, ecosostenibilità e il senso di responsabilità civile.

"Il Pay What You Want si inserisce proprio in questa logica, andando oltre e lanciando una sfida all’ospite che, nel scegliere o meno un ostello Green, già vota con il proprio portafoglio - spiega Alessio Dossi, presidente di legambiente Lecco - Ora, per il mese di febbraio, all’Ostello Parco Monte Barro, l’ospite potrà votare ben due volte, scegliendolo per la propria sostenibilità ambientale e divenendo protagonista della decisione di quanto debba essere il corrispettivo economico da corrispondere per l’ospitalità ricevuta. Siamo curiosi di sapere come i nostri ospiti valutano il nostro lavoro: ci aiuta ad essere sempre più professionali ed ecologicamente sostenibili. Se il nostro lavoro è stato ben fatto, premiarci significa contribuire alle campagne di sostenibilità ambientale che realizziamo".

Il ricavato di questa iniziativa sarà poi destinato al sostegno territoriale della campagna People4Soil, promossa da Legambiente stessa e 400 altre organizzazioni europee, che proverà a raccogliere un milione di firme per chiedere all’Europa norme specifiche per tutelare il suolo, bene essenziale alla vita come l'acqua e come l'aria.

L’Ostello Parco Monte Barro si trova a Galbiate nel Parco Regionale del Monte Barro, nelle Prealpi lecchesi, primi monti che si innalzano provenendo da Milano. Con una vista mozzafiato sui laghi briantei, l’ostello offre un concetto rivoluzionario di ospitalità, in grado di fondersi completamente con l’ambiente naturale circostante. La gestione è di Legambiente, che dal 2013 ha realizzato un eco-ostello scommettendo sulla creatività del riciclo e del riuso, sulla riduzione degli sprechi idrici ed energetici e sulla trasparenza nel rapporto con l’ospite. L’ostello ha 48 posti letto e ha diverse sale polifunzionali ed è dunque adatto a gruppi, associazioni, aziende e scuole, ma anche a turisti che vogliono godere della bellezza dei panorami e della natura del Parco.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Picchiano e feriscono una prostituta per rapinarla: la polizia di Stato arresta un richiedente asilo

    • Cronaca

      Rapinatori incappucciati puntano pistola contro benzinaio e lo derubano

    • Cronaca

      L'ultima tappa del Giro d'Italia parte da Monza: porte aperte in Autodromo

    • Cronaca

      Guida il taxi con la patente scaduta e senza assicurazione: maxi multa per un milanese

    I più letti della settimana

    • Teleriscaldamento a Monza, l'innovazione nella produzione di energia passa dai "prosciutti" della Rovagnati

      Torna su
      MonzaToday è in caricamento