Petizione contraria alla metrotramvia Seregno-Milano Parco Nord nei comuni di Seregno e Desio

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

A nome di Comitati di Quartiere di Seregno, San Carlo promotore, Centro e San Giuseppe sostenitori, desideravo portare alla vostra attenzione quanto in oggetto ovvero la PETIZIONE CONTRARIA ALLA METROTRAMVIA SEREGNO-MILANO PARCO NORD NEI COMUNI DI SEREGNO E DESIO. Detta petizione è partita una volta preso atto della risposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, Graziano DELRIO, al Sindaco di Seregno, Edoardo MAZZA, sull'argomento Metrotramvia durante l'incontro svoltosi lo scorso 11 Aprile a Monza, visto anche quanto emerso dalle assemblee svoltesi nei quartieri interessati dal tracciato dell'infrastruttura ovvero San Carlo e S. Ambrogio. L'opera è praticamento già avviata, vuoi con espropri ed indennizzi, vuoi coi segni per i prossimi cantieri già tracciati sulle strade, ma riteniamo che la nostra battaglia, anche se sembra persa in partenza, valga la pena di essere combattuta perchè c'è sempre una sia pur remota speranza di fermare quel "mostro" obsoleto, inutile e dannoso per i territori dei nostri due comuni di Seregno e Desio.

Noi siamo CONTRARI a questa idea di trasporto pubblico, rigida, costosa, poco utile e che non si inserisce in un contesto di altri mezzi di trasporto veloce.
Siamo invece a FAVORE dell'utilizzo dei molti soldi che serviranno a realizzare la metrotramvia, specie nella tratta Desio/Seregno (oltre 110 mln di euro, se si comprende il nuovo deposito), per potenziare il servizio attuale di autobus tra un Comune e l'altro ed all'interno dei Comuni stessi. Ed e' proprio a causa di questa metrotramvia che verranno tagliate le corse locali e quelle provinciali. Con quei soldi si potrebbero aumentare le corse, acquistare autobus ibridi od elettrici, di differente capienza a seconda della tratta e della fascia oraria e con priorità semaforica via wi-fi (già in uso in altre città) solo per gli incroci di una certa rilevanza e pericolosità.

Mentre scrivo, a distanza di due settimane dal lancio della petizione, siamo già a quota 200 firme ma, avendo come primo traguardo quello di 1500 firme al 15 giugno, abbiamo anche ottenuto i permessi per piazzare dei gazebo con banchetti, nei punti stategici delle nostre città, nei giorni 14 e 15 maggio prossimo, per sensibilizzare i concittadini spesso ignari di ciò che gli sta arrivando addosso quindi raccogliere le loro adesioni.

Presidente Comitato di Quartiere San CARLO, Seregno (MB)

Torna su
MonzaToday è in caricamento