Cani e gatti sepolti nella stessa tomba dei loro padroni: in Lombardia si può

Lo ha deciso il consiglio regionale nella giornata di martedì 19 febbraio: i dettagli

Immagine repertorio

Da martedì 19 febbraio la Lombardia sarà la prima Regione italiana a consentire la sepoltura degli animali d'affezione, tra cui cani e gatti, insieme e vicino ai loro proprietari. La novità è contenuta nella riforma dei servizi cimiteriali che viene votata dal consiglio regionale proprio martedì.

La proposta di consentire la sepoltura, avanzata da Forza Italia, è stata già approvata in commissione con i voti non soltanto della maggioranza di centro-destra ma anche del Movimento 5 Stelle. E' quindi facile prevedere che l'approvazione sarà replicata anche in consiglio.

La sepoltura "comune" prevede, come condizione, che l'animale venga cremato e che i suoi resti siano riposti in una teca separata dalla tomba del proprietario; inoltre esclude la possibilità di affiancare l'animale al proprietario nelle sepolture a terra, mentre la consente nei loculi e, ovviamente, nelle tombe di famiglia.

Il Partito Democratico si è dichiarato contrario alla proposta perché, a suo dire, complicherebbe la gestione dei cimiteri. Sarebbe invece d'accordo nel prevedere aree riservate agli animali nei cimiteri "umani".

Potrebbe interessarti

  • Dove dormire in una casa sull’albero, a meno di due ore da Monza

  • La scopa elettrica senza fili conviene per davvero?

  • Il colore di capelli più cool dell’estate? È l’Icy White

  • Fuga da Monza: in mountain-bike da Paderno al traghetto di Leonardo

I più letti della settimana

  • Grosso incendio alla stazione di Monza: fumo in tutta la zona

  • Incidente mortale a Seveso: muore ragazzo di 18 anni

  • Chiude i cani al buio nel box e parte per le ferie: liberati da Enpa e polizia locale

  • Pauroso incidente in tangenziale Est: donna infilzata, gravissima

  • Incidenti, violento schianto auto-moto: gravi un 17enne e una 13enne

  • Ubriaco fradicio mentre lavora, provoca 3 incidenti e poi scappa

Torna su
MonzaToday è in caricamento