Desio, Lega Nord: "Furti, risse, rom, accattoni. Dov'e' la sicurezza?"

Esempi? Una baby-gang che armata di mazze da cricket imperversa nella zona della biblioteca.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

FURTI, RISSE, ROM, ACCATTONI. DESIO, DOV'E' LA SICUREZZA?
Nel mese di giugno, pochi giorni dopo l'insediamento del sindaco Roberto Corti, Desio è finita sulle prime pagine dei giornali e sui TG nazionali
per la maxi-rissa tra sudamericani nei pressi del forno inceneritore. Durante l'estate, ha tenuto banco la cronaca di altre risse, che hanno movimentato le serate di piazza Don Giussani.
Poi si è riacceso il problema nomadi. Con l'installazione delle sbarre agli ingressi del parcheggio del Paladesio, lo scorso autunno, era stata promessa la "tolleranza zero". I risultati sono stati molto deludenti e sotto gli occhi di tutti.

I camper sono aumentati, tornando a livelli di qualche anno fa, e hanno spostato il loro bivacco nel vicino parcheggio del Centro Sportivo, con una escalation di degrado nella zona e danni alle strutture. Una marea di rifiuti, passeggini abbandonati, sacchi pieni di spazzatura, bottiglie di birra, l'utilizzo del piazzale stesso come gabinetto, invaso da un odore nauseabondo: ecco i risultati della loro presenza, che ha infastidito i residenti della zona, gli alunni delle scuole e gli utenti del Centro Sportivo. Di sicuro, non è stato un bel biglietto da visita per le migliaia di persone che si sono recate al Pala Desio per le partite della Pallacanestro Cantù.
Ignoti, o forse no, hanno fatto irruzione negli spogliatoi dei vicini campi di calcio, di notte, spaccando le porte e utilizzando e deturpando a piacimento bagni e non solo.
Accattoni molesti e questuanti hanno fatto un prepotente ritorno in città, ed anche in questo caso la cronaca locale documenta abbondantemente la situazione, tanto da spingere il sindaco ad emanare una specifica ordinanza, che si è poi rivelata un vero fallimento. Anche i furti sono aumentati: il negozio Euronics da pochi mesi aperto in via Garibaldi è già stato preso di mira in più occasioni e la Polaris di via Molinara ha subito nei giorni scorsi un furto per un valore di oltre 400mila euro. I ladri hanno addirittura preso di mira l'Oratorio Centrale, e chissà in quante altre occasioni che fanno meno notizia hanno colpito.
Sono stati segnalati furti, soprattutto nel quartiere San Giorgio furti ai danni di automobili, con portiere scassinate, finestrini in frantumi e addirittura il furto di ruote smontate dalle vetture.
Apprendiamo la notizia della presenza di una baby-gang che armata di mazze da cricket imperversa nella zona della biblioteca. Apprendiamo anche che purtroppo l'assessore non era al corrente di questa situazione. L'assessore alla Sicurezza non è a conoscenza di ciò che mette a repentaglio la sicurezza dei propri cittadini, e di questo me ne dispiaccio perché significa che manca il contatto con la città e con i problemi che i cittadini si trovano a dovere affrontare tutti giorni, che sicuramente non vengono risolti con gemellaggi, viaggi, ed ospitate a trasmissioni televisive o convegni, nonostante queste iniziative siano lodevoli e sintomo di una certa vivacità da parte dell'assessore di competenza.
Di fronte a questi episodi ben documentati anche dalle cronache locali, tenuto conto dell'attenzione prestata da questa amministrazione comunale verso la sicurezza e la lotta a qualsiasi forma di illegalità, considerato che la soglia di attenzione ha raggiunto e superato indisturbata i livelli di guardia e rilevato il malcontento crescente diffuso tra la cittadinanza per il senso di insicurezza percepito, quali sono le misure messe in campo per contrastare questi fenomeni ed avere una maggiore sicurezza in città?

Interrogazione illustrata e presentata dal consigliere Andrea Villa (Lega Nord - Lista per Desio) nel corso del consiglio comunale di venerdì 13 aprile 2012

I più letti
Torna su
MonzaToday è in caricamento