Bovisio, la Lega si dissocia dalle frasi choc: "Scusa ai cinesi"

E' il segretario provinciale Dionigi Canobbio a prendere le distanze dalla dichiarazioni di Patrizio Ferrabue. "Non è il penseiro della Lega. Lo ripeto fino allo sfinimento di stare attenti, mi sono quasi stancato di farlo". I cinesi? "Benvenuti se rispettano le regole. Ma non lo fanno mai"

BOVISIO MASCIAGO - "Non è il pensiero del movimento, nè il nostro". Così il segretario provinciale della Lega Nord DIonigi Canobbio prende le distanze da Patrizio Ferrabue, segretario cittadino di Bovisio sulla graticola per alcuni commenti ironici sull'incendio di Monza. Rischia l'espulsione? "Sono convinto che ci sia gente che ha scritto molto peggio - continua Canobbio - ma il fatto è che lui è un personaggio politico e rappresenta la Lega sul territorio: non può permettersi certe dichiarazioni.  Settimana prossima ci sarà un direttivo e valuteremo cosa fare. Io non ho un profilo Facebook, ma ho ripetuto allo sfinimento di stare attenti, ma ogni tanto c'è qualche situazione per cui poi ci si trova a dover chiedere scusa a nome del movimento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CONCORRENZA SPIETATA - Sulla concorrenza dei cinesi però Canobbio ha le idee chiare. "Sono benvenuti gli immigrati che lavorano secondo le nostre regole, il fatto è che non le rispettano mai. Mi viene in mente Prato, ma anche qui in Brianza ci sono situazioni con un grosso punto di domanda. Adesso stanno costruendo un centro commerciale tra Agrate e Carugate: bisogna valutare bene, è vero che è una riqualificazione ed è vero che i comuni incasseranno soldi in un momento di crisi, ma non si può sacrificare il nostro futuro per gli oneri di urbanizzazione. Penso al commercio locale, che rischia di essere strangolato". Sull'incendio, comunque, c'è solidarietà: "La gente che lavora merita sempre rispetto. Bisogna aumentare la sicurezza dove si pensa che le condizioni non siano rispettate,  è vero: ma domani pensavo di andare a Monza e scusarmi con loro. Questo però non lo scriva".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ponti tibetani della Lombardia dove portare i bambini

  • Verano Brianza, Sofia uccisa a 25 anni da ubriaco mentre attraversa la strada

  • Cesano Maderno, uomo investito mentre attraversa la strada: è gravissimo

  • Auto esce fuori strada e si schianta contro colonnine del benzinaio poi si ribalta: ferite due ventenni

  • Coronavirus, spostamenti e vacanze: cosa si può fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Incidente stradale a Verano Brianza, travolge e uccide ragazza di 25 anni

Torna su
MonzaToday è in caricamento