Le politiche per i giovani? "Finanziarle con i vitalizi dei parlamentari"

Il manifesto dei giovani della Brianza propone di risparmiare 240 mln di euro sulle indennità dei politici: "Perché non utilizzare quel denaro per favorire le assunzioni?"

Lavoro e costi della politica. Secondo i giovani brianzoli il nesso c’è, eccome. Se ne è discusso al Palaunimec di Arcore durante gli Stati Generali dei giovani, dove l’argomento che ha messo d’accordo tutti è stato proprio quello relativo ai tagli ai costi della politica.

Ad illustrarlo, in maniera piuttosto dettagliata, è stato Francesco Ferri, presidente del gruppo Giovani Imprenditori, “Alla Camera e al Senato - ha spiegato - sono accantonati 240 milioni di euro per i vitalizi e le indennità dei parlamentari che hanno concluso la legislatura. Perché non utilizzarli per favorire le assunzioni dei giovani ?”.

Un manifesto, quello dei giovani brianzoli, che lungi dal populismo snocciola cifre e dati, spesso impietosi nei confronti della classe politica. Oltre al taglio dei vitalizi è dunque necessaria una riduzione degli organi di governo nazionali e locali e una più generale revisione dei costi della politica, condicio sine qua non anche per operare una riduzione della pressione fiscale.  
Tante comunque le proposte, dalla connessione wireless gratis per tutti all’abolizione legale del titolo di studio, segno che malgrado la recessione economica, tra gli under 30 c’è tanta voglia di riscatto.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pitbull azzanna padrone ai genitali, 40enne uccide il suo cane per salvarsi

  • Incidente in autostrada A4 ad Agrate Brianza, morto ragazzo di 27 anni

  • Incidente in autostrada A4, auto ribaltata: gravissimo 27enne

  • Coronavirus, contagi anche nel Milanese. Chiuse le università lombarde

  • Nova Milanese, azzannato alle parti intime dal suo cane: 40enne in ospedale

  • Ragazzina arbitro aggredita e spintonata da allenatore e tifoso: follia in campo a Meda

Torna su
MonzaToday è in caricamento