Crisi in Ucraina: Ceriano Laghetto si schiera con Putin

Votato un ordine del giorno contro le sanzioni inflitte alla Russia. Ma nel testo anche accuse pesanti (e non sempre motivate) ai "golpisti" ucraini

Il municipio di Ceriano Laghetto

Il consiglio comunale di Ceriano Laghetto (Monza-Brianza) prende posizione a favore della Russia nella crisi in Ucraina. E' stato votato un ordine del giorno presentato dalla consigliera comunale Marina Milanese per dissociarsi dalle sanzioni comminate dall'Europa (e da altri Paesi) contro la Russia, in seguito alle ingerenze di Vladimir Putin negli affari interni del Paese ucraino, indipendente da Mosca fin dal 1991. La Russia è infatti palesemente coinvolta nell'appoggio agli insorti delle due regioni di Donetsk e Lugansk. Addirittura, il già ex premier dell'autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk, Aleksander Borodai, è cittadino russo.

Come è noto, alle sanzioni occidentali Putin ha risposto con un embargo sui prodotti agricoli, andando a colpire direttamente i piccoli e medi imprenditori europei del settore. L'embargo russo ha creato malumori politici soprattutto nell'ambito del centro-destra italiano, proprio perché l'escalation di sanzioni rischia di minare l'amicizia tra Italia e Russia. In questo filone si inserisce l'ordine del giorno presentato da Marina Milanese, nata peraltro a Mariupol, nella regione di Donetsk in Ucraina, vicino al confine con la Russia, dove i separatisti hanno violato la tregua più volte a settembre.

Nel testo dell'ordine del giorno si legge tra l'altro che il cambio di governo a Kiev, in seguito ai tragici fatti di Maidan (più di cento morti ad opera di cecchini a febbraio in due giorni), sarebbe stato un "sostanziale colpo di stato" con cui è stato "deposto il governo legittimo dell'Ucraina" (in realtà il presidente in carica Viktor Yanukovich si era reso irreperibile, pertanto secondo la Costituzione poteva essere deposto per ragioni di salute).

Si richiamano poi i (discussi) referendum in Crimea (tenutosi senza rispettare il procedimento previsto dalla Costituzione ucraina e, peraltro, come successivamente ammesso da Putin, con la presenza di militari russi nel territorio della penisola, in quel momento ufficialmente ucraina) ma anche nelle regioni di Donetsk e Lugansk, per affermare che le "zone ricche di risorse naturali ed industriali e prevalentemente russofone non si sono riconosciute nel governo golpista". Si parla infine di "persecuizioni violente" e di una "potente campagna di disinformazione".

Recentemente, in regione Lombardia, la Lega Nord e il gruppo Maroni Presidente avevano presentato due mozioni sempre sullo stesso argomento e filone.

Potrebbe interessarti

  • La scopa elettrica senza fili conviene per davvero?

  • Il colore di capelli più cool dell’estate? È l’Icy White

  • Casa piccola? Gli errori da non fare quando la si arreda

  • Mankai, il superfood che vuole sostituire la carne

I più letti della settimana

  • Morta Nadia Toffa, la conduttrice de Le Iene combatteva contro il cancro

  • Malore mentre fa il bagno nell'Adda, 42enne muore dopo essere stato soccorso in acqua

  • Ferragosto a Monza: le migliori cose da fare

  • Evade ma l'auto va in panne sotto il temporale, soccorso dai carabinieri e arrestato

  • Incidente in tangenziale Est a Carugate, auto finiscono fuori strada e una si ribalta: due feriti

  • Ladri si lanciano dal balcone per sfuggire ai carabinieri, 31enne resta a terra: arrestato

Torna su
MonzaToday è in caricamento