Monza non avrà la stanza "salvavita" per i tossicodipendenti: non passa la mozione di Piffer

Solo sette i consiglieri comunali che hanno votato a favore. Le stanze "del buco" sono quasi 90 in tutta Europa

La "stanza del buco" aperta a Parigi nel 2016 (Ansa)

Non è passata in consiglio comunale la mozione sulle "stanze salvavita" per i tossicodipendenti proposta dall'esponente di Civicamente Paolo Piffer. La proposta era già stata bocciata durante la precedente consiliatura, a maggioranza di centrosinistra. Alla base della mozione l'idea di aprire uno spazio in cui i tossicodipendenti possano assumere le sostanze in maniera protetta e sicura, anziché in condizioni di precarietà sia fisica sia sanitaria.

Su 28 presenti, i favorevoli sono stati 7, i contrari 19, gli astenuti 2. I favorevoli, oltre allo stesso Piffer, sono i due consiglieri del Movimento 5 Stelle Aurelio Camporeale e Giovanni Sindoni, due consiglieri di Noi con Allevi (Nicolas Monguzzi e Marco Negrini) e due consiglieri della Lega (Laura Capra e Roberto Canesi). Gli astenuti sono due esponenti del Pd, Egidio Riva e Francesca Pontani. Così come quattro assenti su cinque sono del Pd (il quinto è il sindaco): Cherubina Bertola, Marco Lamperti, Roberto Scanagatti e Pietro Zonca.

Nelle stanze infatti sarebbe stato previsto un presidio sanitario fisso oltre che servizi di assistenza e naturalmente tutta la strumentazione sterile. Non si tratta di una novità assoluta: in altri Paesi, in primis la Svizzera (ma non solo), la cosa è stata già sperimentata da molti anni. La prima aprì in Svizzera nel 1986, a Berna. Secondo dati del 2016, in sette Paesi europei ci sono 87 stanze del buco, di cui 31 in Olanda, 24 in Germania, 12 in Svizzera, 12 in Spagna, 5 in Danimarca, una in Norvegia, Lussemburgo e Francia (quest'ultima a Parigi).

La stanza del buco di Parigi

A Milano ci provò Marco Cappato, consigliere comunale radicale, nel 2012, con una proposta di delibera d'iniziativa popolare, e poi nel 2014, con una mozione sottoscritta anche da due consiglieri di Sel, una di Rifondazione e una del Pd. Ma senza successo.

"Tengo molto a questa mozione", aveva dichiarato Piffer prima della votazione, "non solo perché tratta di un tema che a me, e non solo a me, sta a cuore, non solo perché sono convinto che si debba intervenire in modo più deciso ed efficace per evitare che Monza diventi una 'Rogoredo' brianzola, c’è anche altro in gioco".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Monza e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Coronavirus, un caso di contagio in un'azienda ad Agrate: donna ricoverata a Bergamo

  • Coronavirus, primo caso anche a Monza: positivo paziente ricoverato al San Gerardo

  • Coronavirus, il primo giorno di "coprifuoco" per Monza: ecco tutti i divieti nella 'zona gialla'

  • Bar non chiude alle 18 e non rispetta ordinanza sul Coronavirus: scatta la denuncia

  • Lissone, trovato il corpo senza vita di un uomo in un campo in via Toti

Torna su
MonzaToday è in caricamento