Guardia Medica, ecco il nuovo numero unico attivo su tutto il territorio

La riorganizzazione del Servizio di Continuità Assistenziale. Come funziona

Partirà dalle ore 20.00 del prossimo lunedì 1 luglio la nuova organizzazione del servizio Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica) nelle province di Lecco e Monza.

Tra le novità un numero unico attivo su tutto il territorio. È l’ 840.500.092, già attivo da tempo sulla provincia di Monza e che ora coprirà anche il territorio lecchese, sostituendo i vecchi numeri diversi per ogni postazione.

Che cos'è il Servizio di Continuità Assistenziale

Il Servizio di Continuità Assistenziale garantisce la continuità dell’assistenza sanitaria della medicina generale e della pediatria di famiglia nelle ore notturne, nei giorni prefestivi e nei giorni festivi, per prestazioni che richiedono l’intervento di un medico e per le quali non è possibile attendere la ripresa dell’attività del proprio curante (Medico di Medicina Generale o Pediatra di Famiglia). Le prestazioni sono erogate gratuitamente. Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 20 alle ore 8 del giorno successivo e sabato, domenica, prefestivi e festivi dalle ore 8 alle ore 8 del giorno successivo.

Come funziona

La riorganizzazione del servizio prevede, per tutto il territorio lombardo, una centrale operativa unica, gestita da AREU. Il cittadino, che chiamerà il numero dedicato al servizio di Continuità Assistenziale, vedrà immediatamente accolta la sua richiesta da un operatore tecnico di AREU altamente qualificato, il quale effettuerà un vero e proprio “triage” cioè una valutazione del bisogno assistenziale dell’utente, simile a quella che avviene in un tradizionale servizio di emergenza/urgenza. A questo punto l’operatore, che avrà effettuato la registrazione informatizzata di tutti i dati sanitari del paziente, provvederà a veicolare la richiesta verso il servizio più appropriato dal punto di vista sanitario: trasferimento immediato, senza ulteriori passaggi (con riduzione dei tempi di attivazione del servizio), delle richieste di soccorso sanitario al Servizio di Emergenza Territoriale 118 oppure al medico di Continuità Assistenziale. In quest’ultimo caso, la novità più rilevante del nuovo servizio risiederà, infatti, nella “presa in carico” del cittadino da parte del medico di Continuità Assistenziale presente sul territorio (nelle attuali sedi), con piena assunzione di responsabilità circa la scelta dell’intervento sanitario più appropriato e “personalizzato” per ciascun assistito: consulenza telefonica, visita domiciliare o invio ad una visita ambulatoriale, anche successivamente ad una consulenza telefonica nel caso il problema persistesse.

Il processo, che si chiuderà con il ritorno da parte del medico alla Centrale di un riscontro informatizzato della prestazione effettuata, consentirà inoltre di tracciare per via informatica tutte le fasi dell’evento, permettendo di garantire la conoscenza immediata dei dati di attività e della tipologia delle richieste rivolte dagli utenti, dei flussi delle chiamate differenziati per fasce orarie o giornate, di valutare e operare rimodulazioni dell’offerta del servizio nei diversi ambiti secondo i bisogni espressi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Monza Maestoso ha aperto le porte: ecco il centro commerciale nato dall'ex cinema

  • Concorso di Natale Esselunga: in palio 100 Mini, bracciali in oro con diamanti e iPhone

  • Incidente tra auto e moto in tangenziale Est, morto 51enne al San Gerardo di Monza

  • Incidente in Valassina, scontro tra tre auto: due persone in ospedale

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

  • L’infallibile trucco per mettere le lucine sull’albero di Natale

Torna su
MonzaToday è in caricamento