Il comune di Monza contro l’abusivismo edilizio

Il comune ha attivato una task force ed ha istituito una centrale di raccolta dati per raccogliere e incrociare tra i vari uffici comunali tutte le informazioni relative all'abusivismo edilizio

Dal 2008 al 2013 a Monza sono stati registrati 150 casi di abusivo edilizio. Di questi 50 sono stati sanati regolarmente; 80 risultano completamente abusivi, mentre per gli altri 20 casi si tratta di realizzazioni che non hanno rispettato i contenuti dell’autorizzazione, ad esempio eccedendo nelle volumetrie realizzate. Tra gli 80 casi di abusi edilizi, più di 50 sono stati realizzati su aree libere, prevalentemente a destinazione agricola. È il comune brianzolo a dare questi dati che descrivono in maniera molto dettagliata una situazione non certamente positiva.

In Italia il fenomeno dell’abusivismo edilizio ha raggiunto proporzioni che non hanno confronto in altri Paesi, provocando pesanti conseguenze sullo sviluppo urbanistico, sulla qualità del paesaggio, sull’economia e sulla sicurezza del territorio. In barba alle leggi, viene realizzato un numero impressionante di nuove unità immobiliari che hanno letteralmente invaso la penisola, sorgendo senza ordine né coerenza devastando alcune delle località più belle del Paese.

Uno degli aspetti più importanti dell’abusivismo, come tanti casi di cronaca hanno drammaticamente dimostrato, è legato alla violazione delle norme in materia di sicurezza. Come quelle, per esempio, che vietano o limitano l’edificazione nelle aree a rischio idrogeologico.

“Garantire la legalità significa anche adottare provvedimenti di controllo del territorio per impedire che oltre al mancato rispetto delle regole si rafforzino situazioni che spesso producono danni all’ambiente e alla sicurezza dei cittadini”, ha detto il sindaco Scanagatti.

“Abbiamo lavorato un anno per avere un quadro della situazione che prima era frammentata fra diversi uffici, ha aggiunto l’assessore Colombo. Oggi grazie al database e a una più efficace organizzazione del personale nel palazzo e sul territorio siamo nelle migliori condizioni per contrastare l’abusivismo edilizio”.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
MonzaToday è in caricamento