Université d'Été, Cappellini: acqua, linfa vitale per il territorio

L'assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia Cristina Cappellini, è intervenuta alla prima giornata dei lavori della decima edizione dell'Université d'Été sul tema 'Il paesaggio dell'acqua'

© GabryJay

«Acqua, paesaggio e cultura sono elementi che si devono coniugare per uno sviluppo sostenibile dei nostri territori e una loro maggiore valorizzazione». Così l'assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia Cristina Cappellini, intervenendo alla prima giornata dei lavori della decima edizione dell'Université d'Été sul tema 'Il paesaggio dell'acqua' che si è svolta nelle giornate di giovedì 29 e venerdì 30 agosto a Cesano Maderno, presso la prestigiosa Sala dei Fasti Romani a Palazzo Arese Borromeo.


 

L’Universitè d'Été nasce nel 2004 come costola della FEIN la Fondazione Europea il Nibbio. Come si legge nel sito ufficiale della Fondazione, questa nasce con l’obiettivo di «far conoscere i reali problemi che nascono dalla degradazione dell’ambiente naturale, non che i mezzi e/o rimedi atti al suo ripristino».

«La Lombardia - ha proseguito l'assessore Cappellini nel suo intervento - ha già dimostrato di avere un'attenzione particolare per la cultura del territorio, non solo a parole, ma con investimenti ben precisi, in controtendenza rispetto al resto delle istituzioni nazionali e locali. Nella mia azione sono stata sostenuta dal presidente Roberto Maroni e dall'assessore al Bilancio Massimo Garavaglia che mi hanno consentito non solo di evitare tagli, ma di aumentare i finanziamenti, ad esempio raddoppiando le risorse da destinare ai progetti di promozione culturale sul territorio».


 

Tutto questo nell’ottica del grande appuntamento del 2015 che è l’Expo, sottolinea l’assessore. «Noi puntiamo molto, anche in vista di Expo 2015, su un discorso che mi è particolarmente caro che è quello della valorizzazione delle tante bellezze culturali, paesaggistiche e naturalistiche. Tutto deve fare sistema, ben sapendo che le risorse pubbliche di Comuni e Province sono sempre minori e noi, come Regione, ci stiamo facendo portavoce delle esigenze e delle istanze che ci provengono dal territorio».


 

«Già con l'assessorato itinerante 'Culture in cammino' lo scorso 31 luglio - ha continuato l'assessore - ho potuto constatare le potenzialità della provincia di Monza e Brianza sul versante più strettamente culturale, ma anche sulla valorizzazione del paesaggio. La Lombardia - ha concluso l'assessore Cappellini - è un mix di terra e acqua, di bei monumenti e vitali fiumi e laghi, insomma una regione dalle mille risorse».

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
MonzaToday è in caricamento