Marcello Forni positivo ai metaboliti della cocaina: il Vero Volley rescinde il contratto

Stracciato il documento che legava il giocatore della società monzese dopo i controlli antidoping eseguiti lo scorso 4 dicembre

Marcello Forni

Marcello Forni, giocatore 36enne della squadra maschile del Consorzio Vero Volley, è stato trovato positivo ai metaboliti della cocaina.

In seguito ai riscontri positivi dei controlli antidoping eseguiti sulle urine lo scorso 4 dicembre a Monza, al termine di una partita giocata al palazzetto dello sport del capoluogo brianzolo, la società ha deciso di rescindere con effetto immediato il proprio contratto con l’atleta tesserato per la società Volley Milano, "per avere tenuto dei comportamenti personali – al di fuori dell’ambito sportivo – non consoni e non in linea con i forti principi e valori che contraddistinguono il Consorzio Vero Volley e tutta la sua struttura", specificano dalla società.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’atleta ha agito contravvenendo in maniera esplicita alle chiare indicazioni della società e agli stessi accordi sottoscritti. La società si riserva di valutare, nelle sedi opportune, la possibilità di costituirsi parte lesa e di rivalersi sull’atleta per i danni arrecati" si legge nella nota pubblicata dal Consorzio Vero Volley in merito alla decisione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al San Gerardo 20 ventilatori polmonari grazie alla donazione della famiglia Fumagalli

  • Coronavirus, a Monza e Brianza 2.462 casi di Covid-19: 100 in più in un giorno

  • Coronavirus, ecco l'applicazione per il cellulare: "Vi chiediamo di scaricarla tutti"

  • Monza, fingono di fare la spesa insieme per vedersi: scatta la maxi multa

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Monza e in Lombardia: le prime previsioni

  • Monza, città "silenziosa e deserta" nelle immagini riprese dal drone

Torna su
MonzaToday è in caricamento