Max Biaggi sentito a Monza per inchiesta Autodromo

Il campione romano è stato ascoltato in qualità di rappresentante sindacale dei piloti. Nell'inchiesta sulla pista brianzola è indagato anche un tecnico di pista

Il pilota romano Max Biaggi (fonte: Facebook)

MONZA - Max Biaggi è stato sentito come persona informata sui fatti dai pm della Procura di Monza Walter Mapelli e Caterina Trentin, che hanno avviato un'inchiesta sulla sicurezza dell'asfalto in seguito alle cadute di alcuni piloti durante la gara di Superbike del 6 maggio scorso. L'ipotesi di reato è omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro, proprio per il supposto pericolo all'incolumità dei motociclisti, almeno durante l'ultima gara mondiale di Superbike, a causa di alcune 'bolle' sull'asfalto della Parabolica che si gonfierebbero alle alte temperature. Biaggi è stato sentito in qualità di rappresentante sindacale dei piloti. Lo spagnolo Carlos Checa aveva duramente criticato nelle scorse settimane il fondo stradale della pista brianzola. Davanti ai giudici è finito uno dei responsabili della gestione tecnica del circuito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al San Gerardo 20 ventilatori polmonari grazie alla donazione della famiglia Fumagalli

  • Coronavirus, a Monza e Brianza 2.462 casi di Covid-19: 100 in più in un giorno

  • Coronavirus, ecco l'applicazione per il cellulare: "Vi chiediamo di scaricarla tutti"

  • Negli ospedali lombardi oggi più dimessi che ricoverati: in Brianza 90 nuovi casi

  • Monza, fingono di fare la spesa insieme per vedersi: scatta la maxi multa

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Monza e in Lombardia: le prime previsioni

Torna su
MonzaToday è in caricamento