L'autodromo invaso dal fascino delle auto da corsa storiche: ecco il "Monza Historic"

Oltre 300 automobili in corsa per nove differenti campionati: i risultati

Un momento della gara (foto M. Bettiol/Autodromo di Monza)

Una festa per oltre 300 vetture storiche che hanno corso le più prestigiose gare di motorsport del passato. Si è concluso domenica 22 settembre il weekend Monza Historic organizzato da Peter Auto al Monza Eni Circuit con nove differenti campionati in pista.

Sono tre Lola T70 Mk III (Proto 1) ad arrivare nei primi tre posti della gara Classic Endurance Racing categoria 1 che comprende GT e prototipi tra il 1966 e il 1974. Primi Lopez-Helary su un modello del 1969, secondo Seiler sul prototipo del 1968 e infine Sleep-Montgomery su quello del 1967. Per la categoria 2, con vetture tra il 1972 e i 1981, vengono premiati il vincitore Yves Scemana su Toj SC 304 (1976), Fletcher con Chevron B26 (1974) arrivato secondo e infine Guenat sempre su Toj SC 303 (1978).

La serie Endurance Racing Legends con GT e prototipi dal 1994 al 2000 premia in gara-1 Shaun Lynn su Bentley Speed 8 (Proto B) del 2003. Secondi Lecourt-Narac su Ferrari 333 SP (Proto A) del 1996. In gara-2 prevalgono Lendoudis-Aguas con Aston Martin DBR9 del 2007 davanti a Moulin su Saleen S7-R del 2004. Terzo in entrambe le gare Lips su Chevrolet Corvette Z06R del 2010.

Il The Greatest’s Trophy è il campionato con le auto storiche più rare e costose del parterre Peter Auto. Nelle due gare del weekend, sale sul primo gradino del podio Guillermo Fierro al volante di una Maserati T61 del 1960. Secondo, Carlo Vogele su Ferrari 330 GTO del 1963 e terzo Mr John of B con una Porsche 906 del 1966.

Nella prima gara riservata ai prototipi Group C taglia per primo il traguardo la Gebhardt C91 del 1991 condotta da Michael Lyons, seguita dalla Peugeot 905 EV1B del 1993 di Guenat e la Porsche 962C del 1990 di Vercoutere-Kelleners. In gara-2 sia Lyons che Guenat perdono una posizione sul podio, mentre primeggia Kriton Lendoudis al volante di Mercedes Benz C11 del 1989.

La Nissan R90 CK del 1990 guidata da France-Narac è invece il prototipo che ha raggiunto la velocità maggiore nel weekend, toccando 306.3 km/h. In gara era presente anche uno dei tre esemplari esistenti al mondo della Jaguar XJR-14 del 1991 con un motore F1 V8 Ford; sul suo sedile c’era Eric Helary, due volte vincitore della 24 Ore di Le Mans.

Cook-Stanley vincono la gara monzese del monomarca 2.0L Cup. La seconda Porsche 911 a tagliare il traguardo è quella guidata da Sumpter-Jordan. Terza, invece, la coppia Watson-Kirkaldy. Podio di Shelby Cobra 289 invece per la Sixties’ Endurance con Oettli, Firmenic-Moser e Latre Du Bosqueau-Van Riet.

Primo e terzo classificato nell’unica gara della Heritage Touring Cup sono due BMW 3.0 CLAS del 1975. Al volante della prima c’è Erlich, terza la coppia Firmenich-Moser. Al secondo posto, Poron con una Ford Mustang GT Pinepac del 1984.

Le gare di Formula Junior e Historic F3 hanno assegnato la Coppa Geki Russo a Monza. Pierre Tonetti su Brabham BT6 (1963) arriva primo in gara-1. Gelmini su Branca FJ (1963) e Kubota su Lotus 20/22 (1961) sono rispettivamente secondo e terzo. Nella seconda competizione, passano sotto la bandiera a scacchi nell’ordine Gelmini, Timms su Chevron B15 (1969) e Roach su Alexis Mk4 (1962).

Il prossimo appuntamento sportivo sarà il weekend International GT Open dall’11 al 13 ottobre. Correranno al Monza Eni Circuit, oltre al campionato GT, anche le serie Euroformula Open, GT Cup Open Europe e il TCR Europe.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Decathlon, a febbraio si abbassano le serrande del negozio di Vignate

  • Scende dall'auto per togliere il telo sul parabrezza ma resta incastrata con la testa nella portiera: soccorsa donna

  • Valassina, lavori di manutenzione nel tunnel di Monza: le chiusure tra il 16 e il 20 dicembre

  • Incidente in Valassina, scontro tra tre auto: due persone in ospedale

  • Dramma a Brugherio, trovati senza vita in casa un uomo e una donna

  • Malore fatale, muore a 65 anni il fotografo brianzolo Attilio Pozzi

Torna su
MonzaToday è in caricamento