Tritium, Bertani ci rimette la panchina. Al suo posto il vice Cazzaniga

Il tecnico paga l'inizio di stagione negativo della Tritium: i biancoazzurri hanno realizzato quattro punti nelle prime nove gare del campionato di Prima Divisione

TREZZO SULL'ADDA -  Pesa come un macigno sulla testa di Paolo Bertani  l’andamento negativo  della Tritium nelle prime nove giornate del campionato di Prima Divisione di Lega Pro.

In queste prime apparizioni stagionali la squadra biancoazzurra  ha conquistato solamente quattro punti, con quattro pareggi all’attivo, segnando sei reti e subendone quattordici.

Ciò che destava maggiori preoccupazioni era l’assenza di un’identità di gioco precisa e la mancanza di solidità difensiva di una retroguardia perforata troppe volte. La squadra del presidente Ghezzi non sarà attrezzata per vincere il campionato di Prima Divisione,  ma  può puntare  ad una salvezza tranquilla.

A preparare la squadra in vista della scontro salvezza di domenica prossima contro l’Albinoleffe sarà l’allenatore in seconda di Bertani, Romano Cazzaniga.  La scelta di far allenare la squadra per i prossimi giorni dal secondo di Bertani è un modo per consentire alla squadra di non perdere l’equilibrio che vige all’interno dello spogliatoio. Si tratta però di una soluzione provvidoria: entro il nove novembre la società renderà noto il nome del nuovo allenatore. Al neo tecnico il compito di  portare una ventata d’aria fresca all’interno di uno spogliatoio deluso dal brutto inizio di campionato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Monticello: trovati i due giovani che si sono schiantati sulla rotonda a 160 km/h

  • Tragico incidente in moto: morto un uomo di 53 anni di Giussano

  • Niente più code per la scelta del medico di base e per le esenzioni: ecco il numero per le prenotazioni

  • Il trucco a cui fare attenzione? Ha a che fare con una bottiglietta d’acqua

  • Tragedia in un'azienda a Casatenovo, operaio muore all'alba

  • Si ferisce con la motozappa mentre è al lavoro nei campi: gravissimo un uomo

Torna su
MonzaToday è in caricamento