Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Legionella, il leghista monzese Mariani: "Portata dai legionari dall'Africa". Ma non è vero

 

Acceso scambio di battute, in consiglio regionale, tra i due medici-consiglieri: il leghista Marco Mariani e il piùeuropeista Michele Usuelli. E' successo durante la seduta di martedì 11 settembre. Il tema è l'infezione da legionella, che dopo avere preoccupato il territorio di Bresso ora si concentra nel Bresciano ma con alcuni ricoveri anche in nosocomi brianzoli come quello di Desio o il San Gerardo.

Il primo round è del monzese Marco Mariani, medico nella sua città, della quale è stato anche sindaco dal 1995 al 1997 (sostenuto dalla sola Lega Nord, il suo partito) e poi ancora dal 2007 al 2012 (sostenuto, questa volta, dallo schieramento di centrodestra).

Mariani, parlando di legionella, il cui batterio come è noto va cercato nell'acqua, ha ricordato che viene anche chiamata "malattia dei legionari" (in realtà, questa è solo una delle forme di legionella) e ha testualmente affermato che i legionari "non hanno mai operato in Austria, o in Svezia, o in Nord Tirolo, ma hanno operato dove ben sappiamo", intendendo l'Africa.

"Lungi da me fare illazioni", ha proseguito il leghista ex sindaco di Monza e medico: "E' meglio, per il bene di tutti, piantarla di vedere l'acqua o il fiume e le ricerche dovrebbero essere estese a 365 gradi". Sorvolando sul fatto che gli angoli si misurano al massimo fino a 360 gradi e non 365, Michele Usuelli (eletto per la lista +Europa con Emma Bonino) è sobbalzato dalla sedia e ha voluto replicare al collega.

"Suggestione imprecisa e anche un po' razzista", ha esordito Usuelli nella sua replica, spiegando che la "malattia del legionario" si chiama così perché durante un convegno di legionari americani (American Legion) a Philadelphia, nel 1976, scoppiò un'epidemia (che causò 34 morti) dovuta alla presenza del batterio nei condizionatori dell'albergo in cui il convegno si stava svolgendo.

"Consiglio di far risparimare soldi a Regione Lombardia", ha proseguito Usuelli: "Non c'è bisogno di fare indagini sui migranti sul tema della legionella, se questo è ciò che intendeva il consigliere Mariani".

Potrebbe Interessarti

Torna su
MonzaToday è in caricamento