rotate-mobile
Animali

Boom di abbandoni di animali dopo il lockdown

Durante la pandemia e il lockdown si è registrato un vero e proprio boom di adozioni, che hanno portato a un conseguente aumento degli abbandoni finito il periodo di emergenza sanitaria

Con il lockdown legato alla pandemia da Covid-19, si è registrato un significativo aumento delle adozioni di cani e gatti.

Un vero e proprio boom di adozioni di animali, tanto che secondo i dati sarebbero circa 3,4 milioni le persone, che fra il 2020 ed il 2021, hanno scelto di adottare un animale domestico.

Ma una volta finito il lockdown? Cosa è accaduto a questi pet?

A dircelo è un’indagine commissionata da Facile.it a EMG Different, che ha riportato un tragico finale per questi pelosi, poiché oltre 117 mila proprietari hanno cambiato idea e hanno deciso di sbarazzarsi dei loro amici a 4 zampe restituendoli ai canili oppure affidandoli ad altre famiglie.

Secondo quanto riportato dall’indagine statistica, circa il 28,3% di chi ha deciso di adottare un cane o un gatto negli ultimi 2 anni ha dichiarato apertamente di aver preso tale decisione soltanto per rendere meno pesante e alleggerire il periodo di reclusione forzata a casa; mentre, addirittura 196 mila padroni di cani e gatti hanno, invece, ammesso di aver adottato un pet esclusivamente per avere una scusa per uscire durante il lockdown, aggirando così i limiti e le norme imposti dal Governo.

Gli errori da evitare assolutamente quando si vuole adottare un cane

Questo boom di adozioni si è registrato in tutta Italia, ma è nel nord-ovest del Paese che si sono avute le percentuali più alte, circa il 38,4%.

Perché i nuovi proprietari hanno deciso di abbandonare il proprio animale?

Stando a quanto riportato dai risultati della ricerca, la maggior parte si è resa conto dopo il lockdown che gestire un animale in casa era troppo dispendioso e faticoso (circa il 63%), mentre il restante 37% ha preso tale decisione per i troppi danni materiali causati dagli animali.

Dati allarmanti e sconvolgenti, che sottolineano ancora una volta che si adottano gli animali senza rifletterci abbastanza, senza pensare che accogliere un pet in casa è un gesto di grande responsabilità e, soprattutto, impegno.

I nostri amici pelosi sono esseri viventi e non giocattoli, hanno i loro bisogni e le loro necessità che noi essere umani abbiamo il dovere di rispettare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boom di abbandoni di animali dopo il lockdown

MonzaToday è in caricamento