Aspettando Carla Maria Maggi

In attesa della mostra che aprirà a Villa Borromeo d'Adda, ogni giovedì un video della curatrice Simona Bartolena introduce l'artista e le sue opere

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

In questo difficile periodo la rete sta dimostrando la sua vitalità e resilienza lanciando quotidianamente pregevoli iniziative per la fruizione on line dell'arte e della cultura. Musei, istituzioni, associazioni inventano format e proposte originali per mantenere vivo il legame tra l'arte e il pubblico, impossibilitato a visitare le mostre fisicamente. Questi tempi di attesa e sospensione sono quindi un'occasione speciale per sperimentare nuovi modelli di comunicazione e, perché no, nuove opportunità di studio, approfondimento e ascolto. Perché la cultura e l'arte, nonostante tutto, non si devono fermare. Anche il Comune di Arcore e l'Associazione heart – PULSAZIONI CULTURALI, promotori della mostra Carla Maria Maggi, l'artista ritrovata, in attesa di aprire presso Villa Borromeo d'Adda, Arcore (MB), hanno deciso di inaugurare un format on line "ad hoc": Aspettando Carla Maria Maggi (#aspettandocarlamariamaggi), una serie di appuntamenti virtuali pensati per prepararsi alla mostra e conoscere meglio la pittrice e il suo tempo. Ogni giovedì, sulle pagine dei canali Instagram, Facebook e YouTube dell'Associazione heart verrà pubblicato un video della durata di circa 2 minuti in cui la curatrice della mostra, Simona Bartolena, parlerà dell'artista presentando, di volta in volta, una sua opera significativa. Un viaggio alla scoperta di Carla Maria Maggi attaverso i temi e i soggetti che illuminano la sua arte, ma anche riflessioni su cosa poteva voler dire essere una donna artista nella Milano borghese del tempo. Pittrice attiva negli anni Trenta del Novecento, suo malgrado costretta a rinunciare a una brillante, promettente carriera, Carla Maria Maggi è oggetto di una riscoperta critica recente. Ricordiamo in particolar modo le antologiche inaugurate a Palazzo Reale di Milano nel 2008 (a cura di Elena Pontiggia) e al Washington Museum National Museum of Women in the Arts, dove il dipinto La Sigaretta (1934), capolavoro della pittrice, è stato esposto in prestito temporaneo per qualche anno.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento