Venerdì, 24 Settembre 2021
Attualità

Un tavolo tecnico per aiutare gli imprenditori a non finire nelle mani del racket

Verrà istituito in Prefettura. Anche in Brianza alto il rischio degli imprenditori di "affidarsi" agli usurai e alle organizzazioni criminali

Un tavolo tecnico per contrastare in Brianza la piaga del racket e dell’usura. Lo avvierà nelle prossime settimane la Prefettura di Monza.

Una scelta dettata dalla delicata situazione sociale ed economica causata dall’emergenza sanitaria. Anche nella provincia di Monza e Brianza gli imprenditori stanno subendo le conseguenze della mancanza di liquidità, e spesso della difficoltà ad accedere ai prestiti. Con il rischio, sempre più concreto, di affidarsi agli usurai.

“Le crisi economiche sono in grado di attirare gli appetiti delle organizzazioni criminali, da sempre interessate ad acquisire il controllo di realtà sane in cui reinvestire le risorse provento di attività illecite – commenta il prefetto Patrizia Palmisani -.  In questo momento storico le imprese non vanno lasciate sole, ma devono essere affiancate e sostenute per preservarne la stabilità e allontanare le sirene dell’economia criminale”.

La decisione di costituire il tavolo tecnico nasce dopo l’incontro sul rischio di infiltrazione criminale nel tessuto economico della provincia di Monza e Brianza avvenuto nei giorni scorsi in Prefettura.

Al tavolo – oltre al prefetto, al procuratore della Repubblica, al questore, ai comandanti provinciali dei carabinieri e della guardia di finanza – erano presenti anche i rappresentanti del settore bancario (Abi e Bcc), della Camera di commercio, e delle principali associazioni di categoria dei settori dell’industria, delle costruzioni, dell’artigianato, del commercio, della cooperazione sociale e dell’agricoltura.

Gli imprenditori e le associazioni di categorie hanno messo in rilievo le difficoltà degli imprenditori (piccoli e grandi), in primis òa mancanza di liquidità. Il rischio, come ha ribadito il prefetto, è la presenza a Monza e Brianza di organizzazioni malavitose che forniscono un sostegno attivo agli imprenditori in difficoltà o in crisi di liquidità, in cambio di “future connivenze”, con la non remota possibilità di ulteriori infiltrazioni nel tessuto economico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un tavolo tecnico per aiutare gli imprenditori a non finire nelle mani del racket

MonzaToday è in caricamento