menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'inaugurazione di PizzAut (Facebook PizzAut/Copyright Valentina Santoro)

L'inaugurazione di PizzAut (Facebook PizzAut/Copyright Valentina Santoro)

L'inaugurazione di PizzAut e il sogno di aprire il secondo ristorante a Monza

Sabato 1 maggio ha inaugurato il locale di Cassina de' Pecchi: la prima pizzeria gestita da ragazzi autistici

"Un vincitore è un sognatore che non si è mai arreso". E Nico Acampora, il fondatore del progetto di PizzAut che adesso è realtà, non lo ha mai fatto. Vincendo per tutti i suoi ragazzi. Sabato 1 maggio a Cassina de' Pecchi, nell'area dell'ex Nokia, è stato inaugurato il primo locale gestito da ragazzi con disturbi dello spettro autistico. Un progetto a cui l'associazione fondata da Acampora ha lavorato senza sosta e che la pandemia non è riuscita a fermare. Il virus ha solo ritardato l'apertura ma l'inagurazione è stata un vero trionfo. 

In una giornata simbolica come quella della Festa dei Lavoratori PizzAut ha sfornato le prime pizze, aprendo i battenti per garantire un futuro lavorativo che rappresenti una concreta possibilità di inclusione e autonomia per i ragazzi. Alla cerimonia di inaugurazione insieme a numerose autorità e ai sindaci del territorio - tra cui anche Dario Allevi, primo cittadino monzese - ha partecipato anche la presidente del Senato Elisabetta Casellati. E in questa giornata speciale Matteo, uno dei ragazzi di PizzAut, ha firmato il suo primo contratto a tempo indeterminato.

pizzaut-4 credit valentina santoro-2

"L'inaugurazione di PizzAut a Cassina de’ Pecchi è stata una grande festa, che non potevo e volevo perdermi, ma soprattutto si è rivelata una testimonianza di immenso valore: quella della dignità del lavoro che è inclusione vera e che anche per questi ragazzi - chef, pizzaioli e camerieri speciali - significa rispetto, riconoscimento e una possibilità concreta di un loro inserimento da protagonisti nella società" ha commentato il sindaco di Monza Dario Allevi. "Congratulazioni al papà Nico Acampora e a tutto lo staff che oggi hanno coronato un sogno".

Il sogno di aprire una pizzeria a anche a Monza

Ma i progetti sono ancora tanti e tra questi c'è la speranza di poter aprire un locale proprio a Monza, la città da dove era iniziato tutto e da dove era stato lanciato l'appello per trovare uno spazio adeguato al progetto di inserimento lavorativo dei ragazzi. Un'idea che si è trasformata in realtà, grazie all'energia instancabile che giorno dopo giorno il fondatore del progetto Nico Acampora, papà di un bambino con disturbi dello spettro autistico, ci ha dedicato. E grazie al supporto che il territorio e gli imprenditori hanno voluto dedicare al sogno che oggi è realtà.

"Da domani l’impegno loro e mio sarà quello di inaugurare la seconda pizzeria proprio a Monza: insieme ce la faremo" ha promesso il primo cittadino monzese.

pizzaut 222 credit valentina santoro-2

Come è organizzata la pizzeria

Da Pizzaut è tutto un po’ speciale: il caffè con il marchio 'Caffè Inclusion' proveniente dal circuito del commercio equo e solidale; la dispensa riempita direttamente dai ragazzi che accompagnati da Nico sono andati nei giorni scorsi a fare la spesa al supermercato; la porta di ingresso con una sola maniglia intuitiva per non sbagliare e non creare imbarazzo; le uscite di sicurezza frontali e semplificate; i mobili realizzati da un falegname di Cernusco sul Naviglio con chiusura rallentata per non fare rumore, e con una sorta di 'taglio' all'angolo che permette di aprirli facilmente agevolando così l'autonomia anche dei ragazzi con poca manualità. Nel locale c'è una particolare attenzione anche al rumore, tanto fastidioso per le persone autistiche: oltre alla mobilia silenziosa, anche il soffitto è insonorizzato. All’esterno nessuna barriera, ma solo due ulivi secolari a dare il benvenuto.

Apertura e orari

Dopo la cerimonia di inaugurazione di sabato 1 maggio PizzAut resterà chiuso nella giornata di domenica per la sanificazione dei locali e tornerà operativo a partire da lunedì nell'area esterna allestita del giardino come da disposizioni relative al contenimento della pandemia. Il ristorante sarà operativo a pranzo dalle 12 alle 14 (da lunedì a domenica escluso sabato) e a cena dalle 19 alle 22 (da mercoledì a domenica).

Il menù delle pizze

La vera protagonista è naturalmente la pizza: classica ma anche gourmet con un impasto lievitato 72 ore e idratazione al 70 per cento. Il menù delle 'speciali' comprende pizza ai fiori d’arancio, la CernuscAut, la Veg, la Supereroe (dedicata a Nico Acampora durante il suo recente ricovero in ospedale), SteBa e Dpcm. E ora anche la "Bella Signora", dedicata alla presidente del Senato Elisabetta Casellati che sabato è stata presente a Cassina de' Pecchi al taglio del nastro del locale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento