rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Attualità Centro Storico

A Monza arriva l'App per la raccolta differenziata (ma le polemiche restano)

Un sistema "intelligente" per aiutare i monzesi a differenziare i rifiuti

Un'app per differenziare correttamente i rifiuti, per ricordarsi quando esporre sacchi e bidoni, per risolvere ogni dubbio su dove gettare il cartone della pizza, oppure la carta da forno. 

Si chiama Junker l'applicazione per smart phone che aiuta i monzesi a dividere correttamente i rifiuti e ad esporli nei giorni e negli orari giusti. "Junker app è un assistente personale, che ricorda i calendari del porta a porta, guida gli utenti fino al punto di raccolta più vicino e li aiuta ogni giorno nel gestire meglio la raccolta differenziata - si legge sul sito di Monzapulita -. Junker app è un tutor intelligente, che riconosce i prodotti dal codice a barre o addirittura da una foto, e spiega come buttarli nel modo giusto distinguendo tutti i materiali che lo compongono.Basta scaricare gratuitamente l’app sul proprio smartphone (Android, Apple o Huawei) e accedere alle diverse funzioni (presto anche il mercatino del riuso e altre). Junker, che è tradotta in dieci lingue, è intuitiva anche per i non nativi digitali e accessibile ai non vedenti. Grazie a un database interno di oltre 1 milione e 700 mila prodotti, è la guida alla raccolta differenziata più accurata d’Europa".

Come funziona

I cittadini di Monza potranno scaricare gratuitamente l’app sul proprio smartphone (Android, Apple o Huawei). Da quel momento, per sciogliere ogni dubbio davanti ai bidoni della differenziata, sarà sufficiente inquadrare il codice a barre dell’imballaggio o, se non presente, scattare una foto al prodotto, per sapere in tempo reale di quali materiali è composto e come va conferito. E, siccome le regole per la differenziata non sono uguali in tutta Italia, Junker app - grazie alla geolocalizzazione - è in grado di personalizzare le informazioni in base al territorio in cui si trova l’utente. Se tuttavia dovesse capitare che non riconosca il prodotto, i cittadini potranno scattare una foto, trasmetterla all’app e ricevere in pochi minuti le informazioni per conferirlo correttamente. La referenza sarà poi aggiunta al database, valorizzando così la collaborazione di tutti.

"Un aiuto per i cittadini"

“Questa nuovo strumento informativo può rivelarsi un ulteriore aiuto per accompagnare i cittadini a conoscere meglio le novità introdotte dal primo marzo - spiega l’assessore all’Ambiente Martina Sassoli -.  È evidente, infatti, che in questo primo periodo sperimentale, dove è inevitabile qualche disagio, ogni canale di servizio può aiutarci a fare la differenza, in città”.

“Da oggi i cittadini di Monza avranno a disposizione un nuovo strumento semplice e intuitivo per essere guidati durante la raccolta differenziata. Come azienda ci impegniamo per promuovere un servizio personalizzato e attento alle esigenze della popolazione. Un servizio capace di incentivare una maggiore consapevolezza nei confronti della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente", aggiunge Alfredo Robledo, presidente di Impresa Sangalli.

“L’attenzione degli italiani nei confronti dell’ambiente sta crescendo rapidamente - sottolinea Noemi De Santis, co-fondatrice di Junker -. Con la nostra app vogliamo contribuire a valorizzare questa sensibilità, dimostrando che praticare la sostenibilità nella vita quotidiana è non solo possibile, ma anche facile e divertente. Siamo molto orgogliosi di mettere a disposizione della città di Monza la miglior tecnologia disponibile per differenziare senza più dubbi o errori”.

Polemiche e critiche sui social

Intanto le polemiche non si placano. A due giorni dall'avvio della nuova modalità di raccolta differenziata, il tema rifiuti continua ad essere al centro delle discussioni sui gruppi social di Monza. Soprattutto in centro storico dove, durante la pausa pranzo, i negozianti espongono bidoni e sacchi che restano in bella vista per diverse ore, con passanti e clienti che si lamentano. A ciò si unisce anche chi espone negli orari sbagliati, con sacchi in bella vista anche in pieno pomeriggio. 

Diverse le segnalazioni di disservizi giunte alla redazione di MonzaToday: persone che hanno fatto richiesta dei bidoni per pannollini e pannoloni e li hanno esposti in strada senza però avere il riscontro del ritiro; o chi si è visto danneggiare il nuovo cassonetto per la raccolta differenziata. 

Intanto prosegue la petizione on line lanciata da Civicamente per chiedere la modifica del nuovo sistema di raccolta dei rifiuti. A questa mattina, 3 marzo, sono oltre 500 le fime raccolte. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Monza arriva l'App per la raccolta differenziata (ma le polemiche restano)

MonzaToday è in caricamento