Negozi chiusi, stop per bar e ristoranti: il Paese rallenta per fermare il contagio del virus

L'annuncio nella serata di mercoledì del premier Giuseppe Conte. Le nuove misure del governo per il contenimento del contagio valide in tutta Italia

Un centro commerciale chiuso

Una serrata vera e propria. La chiusura totale delle attività, dei negozi, dei bar e dei ristoranti. Tirare il freno a mano per rallentare, per poi ripartire. La Lombardia, con l'appoggio di tutti i sindaci dei capoluoghi di provincia, aveva chiesto al governo misure più stringenti per limitare la diffusione del contagio da Covid-19. E nella serata di mercoledì il premier Giuseppe Conte ha annunciato le nuove disposizioni che saranno valide in tutta Italia, non solo nella nostra regione, dal 12 al 25 marzo.

"So che state cambiando le abitudini di vita, state compiendo dei sacrifici: so che non è facile. Sappiate che queste vostre rinunce stanno offrendo un grande contributo al Paese" ha detto il premier Giuseppe Conte consapevole che gli occhi del mondo in questo momento sono puntati sull'Italia, per i numeri ma anche, si spera, per il senso di responsabilità. "Siamo il primo paese in Europa colpito dalla pandemia ma siamo anche il paese che sta reagendo con più forza". 

"Nelle scelte che ho fin qui assunto abbiamo tenuto conto di tutti i valori in gioco. Ho fatto un patto con la mia coscienza, al primo posto c'è e ci sarà sempre la salute degli italiani" ha detto Conte. "Ora questo è il momento di compiere un passo in più". 

Chiusi i negozi, bar e ristoranti

"Disponiamo la chiusura di tutte le attività commerciali di vendita al dettaglio ad eccezione degli alimentari e delle parafarmiacie e farmacie" ha spiegato Conte. Resteranno chiusi anche i bar, i pub e i ristoranti per cui potrà restare attiva la modalità della consegna a domicilio. Serrande abbassate anche nei negozi di estetica, nei parrucchieri e nelle mense. 

Il premier ha sottolineato che le aziende dovranno agevolare - laddove possibile - le modalità di lavoro agile, incentivare le ferie e chiudere i reparti aziendali non indispensabili. Le imprese che continueranno a produrre e a restare in attività dovranno rispettare protocolli di sicurezza per la tutela dei lavoratori. 

Garantiti trasporti pubblici e servizi essenziali

Restano invece garantiti i servizi pubblici essenziali tra cui i trasporti pubblici, servizi bancari e postali. Garantiti anche i servizi del settore e delle filiere zootecniche.  "Per avere un riscontro effettivo dovremo attendere un paio di settimane. Se i numeri dovessero continuare a crescere non significa che dobbiamo affrettarci a varare nuove misure". 

"Se saremo bravi a rispettare queste regole usciremo più in fretta da questa emergenza" ha concluso Conte, lanciando un accorato appello ai sessanta milioni di italiani. "Rimaniamo distanti per abbracciarci con più calore, per correre più forti domani". 

I numeri: 7.280 casi positivi in Lombardia 

Ad oggi i casi positivi al Covid-19 in Lombardia sono 7.280. Lo scarto rispetto al numero fornito martedì è notevole ma, come ha spiegato lo stesso assessore Gallera, è dovuto solamente alle tempistiche diversificate di lavorazione dei tamponi nei vari laboratori. I dati processati nella giornata di martedì sono giunti solo oggi. Le persone affette da Coronavirus ricoverate in ospedale sono 3.852, di cui 560 in Terapia Intensiva. Dai dati disponibili risulta che il 38% dei ricoverati in terapia intensiva ha tra i 65-74 anni, il 20% ha più di +75, il 32% tra i 50 e i 64 anni mentre solo il 9% ha tra i 25 e i 49 anni e l'1% tra i 18-24 anni. Aumentano anche i pazienti dimessi anche se il dato definitivo ancora non è stato ufficializzato. Oltre seicento invece i decessi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ha prevalso il buon senso. Il Coronavirus si puo' contrastare solo con misure rigorose. Sono certo che non solo i lombardi, ma tutti gli italiani, valuteranno positivamente questo provvedimento. Con la consapevolezza che i sacrifici di oggi sono necessari per ripartire piu' forti domani" ha dichiarato il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, commentando le misure illustrate dal premier Conte.

Emergenza da Coronavirus: i dati provincia per provincia

Provincia Numero di casi
Bergamo 1815
Brescia 1351
Como 77
Cremona 1061
Lecco 113
Lodi 1035
Mantova 137
Milano 925
Monza e Brianza 85
Pavia 403
Sondrio 13
Varese 75
In fase di definizione 190

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Lazzate, uomo trovato cadavere in via Enrico Fermi: indagano i carabinieri

  • Tumore al pancreas in stadio avanzato: operazione "unica" all'ospedale di Vimercate per una donna

  • Le meraviglie di Monza celebrate in televisione, in città le riprese della Rai

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • "Aiuto la mamma è in pericolo", bimbo di tre anni chiama i vicini e salva madre

  • Il maltempo fa paura a Monza: prevista acqua a secchiate e grandine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento