Contagi in risalita e scuola chiusa per sanificazione, Brugherio annulla la festa patronale

Nonostante l'amministrazione e gli organizzatori avessero optato per una edizione ridotta della manifestazione senza giostre e fuochi d'artificio ora il programma è stato definitivamente annullato

L'ombra del coronavirus fa saltare la festa patronale a Brugherio. Non solo niente giostre e fuochi d'artificio: il weekend di sabato 10 e domenica 11 ottobre in città non ci sarà nessuna festa. A comunicarlo è stato lo stesso sindaco Marco Troiano che ha spiegato ai concittadini le motivazioni della decisione. 

"Avevamo lavorato ad un programma che non prevedeva le giostre e i fuochi d'artificio, ma comprendeva comunque un po' di animazione e di musica per sabato e domenica in piazza Roma ed in Villa Fiorita e poi le bancarelle, con anche la presenza delle associazioni, per domenica nelle vie del centro. Quanto sta avvenendo in questi giorni nelle nostre scuole e i dati in grande crescita in tutta la Provincia (ieri siamo stati la Provincia con il maggior incremento di casi in tutta la Lombardia) ci ha portato a riflettere, insieme agli organizzatori, su cosa fare" ha detto Troiano.

"Non possiamo permetterci di rischiare un ulteriore incremento di casi, spesso con persone asintomatiche, come stiamo vedendo in queste ultime settimane. E non basta da sola la garanzia del presidio (che ovviamente ci sarebbe stato) e dell'utilizzo delle mascherine, che pure sarebbero state obbligatorie. Serve tanta prudenza e responsabilità, e quindi abbiamo deciso di annullare tutti gli eventi della festa patronale di quest'anno. Torneremo a stare insieme e a fare festa, ne siamo sicuri. Ma adesso è il tempo della responsabilità" ha concluso il primo cittadino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella giornata di martedì sono stati 96 i casi di contagio registrati in provincia di Monza e Brianza, con un dato che è stato il più alto tra le province lombarde. A Brugherio inoltre sono diverse le classi in quarantena dopo la scoperta di positività tra alunni e insegnanti. L'ultimo - il più delicato dal punto di vista di gestione - ha interessato la scuola elementare Fortis dove a seguito di un tampone positivo per il personale docente sono state messe in quarantena quattro classi e la scuola è rimasta chiusa nelle giornate di lunedì e martedì per sanificazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Sono positivo e sintomatico/asintomatico: regole per la quarantena in Lombardia

  • Nasce il Marketplace di Seregno, la risposta dei negozianti seregnesi alle vendite online

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento