Bollettino coronavirus, più di 9mila contagi in Lombardia: oltre mille casi in Brianza

I dati di giovedì 12 novembre

Coronavirus - Repertorio

Giovedì 12 novembre 2020 in Italia si sono registrati 37.978 i nuovi casi di covid 19, secondo il bollettino diffuso dal ministero della Salute. In Lombardia il numero di nuovi positivi è salito di 9.291 unità a fronte di 42.933 tamponi effettuati. Solo in provincia di Monza e Brianza i nuovi casi sono stati 1.028. Sono 18 le persone che nelle ultime ventiquattro ore sono state rivcoverate in terapia intensiva, per un totale di 782 posti letto occupati. Salgono di 140 unità invece i ricoveri nei reparti covid delle strutture sanitarie lombarde con oltre 7mila persone ospedalizzate. Non si ferma la scia di morte del virus che nelle ultime ventiquattro ore ha ucciso 187 persone, con il totale dei decessi in Lombardia che ha raggiunto quota 18.910 vittime. 

12 novembre-2

Ospedali al collasso, Nursind: "Dalle parole ai fatti"

Un centinaio di professionisti, tra infermieri e medici dell'Esercito che la Lombardia ha chiesto vengano inviati sul territorio, nuovi operatori pronti a iniziare dopo le recenti assunzioni e trasferimenti di pazienti anche verso strutture della sanità privata per alleggerire la pressione sull'ospedale. Questo in sintesi quanto emerso durante l'incontro che il Nursind e i sindacati hanno avuto nella giornata di mercoledì con il prefetto Patrizia Palmisani alla presenza del sindaco di Monza Dario Allevi e del direttore generale della Asst di Monza Mario Alparone.

“Mi auguro che dalle rassicuranti parole, dalla disponibilità di apertura e di confronto, e dalla volontà di intervenire per aiutare gli infermieri in affanno, si passi rapidamente ai fatti” ha commentato Donato Cosi, segretario del NurSind Monza e Brianza.

“Sono soddisfatto della disponibilità e dell’apertura dichiarata dal direttore generale – prosegue Cosi -. Oltre alla richiesta avanzata ieri dall’assessore al Welfare Giulio Gallera al Governo di inviare un centinaio di professionisti (tra medici e infermieri) dell’Esercito”. Dal direttore Alparone è giunta anche la rassicurazione sull’apertura di nuovi posti letto solo a fronte dell’arrivo di nuovo personale. Entro la fine di novembre è previsto l’arrivo di una trentina di infermieri che hanno vinto il recente concorso a tempo determinato bandito dall’Asst Monza. Inoltre durante l’incontro è stata ribadita l’apertura della sanità privata convenzionata brianzola ad aiutare l’Asst Monza in questa difficile fase. Circa un centinaio di pazienti arrivati negli ultimi giorni e Covid positivi sono stati dirottati alla Clinica Zucchi e al Policlinico di Monza non trasferendoli fuori provincia.

“La strada intrapresa è quella giusta, ma va percorsa e non deve rimanere solo sulla carta – conclude Cosi -. L’Asst Monza in questo momento è in affanno, abbiamo bisogno di medici, di infermieri, di personale di supporto che devono arrivare in fretta. Non possiamo aspettare ulteriore tempo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento