menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bollettino Coronavirus, i dati di sabato 2 gennaio 2021. Calano i positivi, ma anche i tamponi

I dati del giorno: i nuovi positivi sono circa la metà del giorno prima, ma sono diminuiti anche i tamponi effettuati

La lotta al Coronavirus non si ferma. Come di consueto, la Protezione Civile ha diffuso nel tardo pomeriggio i dati di sabato 2 gennaio: meno tamponi, meno casi di contagio ma aumentano le persone in terapia intensiva. A fronte di 11.758 tamponi, sono stati accertati 1.402 nuovi casi di positività al virus in tutta la Regione (circa la metà rispetto al primo dell'anno); il rapporto fra tamponi effettuati e i nuovi positivi è dell'11.92%. Tra Milano e hinterland sono 596 le persone positive al virus nell'arco delle ultime ventiquattr'ore. Nella provincia di Monza-Brianza, invece, sono 131.

Sono venti i nuovi accessi ai reparti di terapia intensiva in Lombardia. Il totale dei letti di rianimazione occupati è aumentato di quattro unità: ora sono 491 le persone con gravi insufficienze respiratorie ricoverate negli ospedali regionali. Per quanto riguarda i ricoveri meno gravi, sono invece diminuiti di 59 persone, per un totale che ora è di 3.293. Negli ospedali della Regione si trovano in tutto 3.784 persone affette da SarsCov2 (55 in meno rispetto a venerdì).

Le persone guarite nelle scorse ventiquattr'ore sono 626; in totale i lombardi guariti dal Covid sono ora 401.444. Infine purtroppo sono decedute 78 persone. Il triste totale dei lombardi che hanno perso la vita ed erano positivi al Covid è ora di 25.281.

Covid Lombardia, a rischio la zona gialla?

E' però a rischio la permanenza della Lombardia in zona gialla dal 7 gennaio, giorno della ripartenza dopo le misure più restrittive del periodo natalizio. Si attende il 5 gennaio per la decisione finale, dopo l'analisi del comitato tecnico scientifico nazionale.

A causa dell'indice Rt pari a 1, La Lombardia potrebbe ricominciare in zona arancione. Alcuni numeri fanno comunque sperare: diminuiscono i morti per Covid e anche i ricoveri in ospedale. Ma il report del 30 dicembre, l'ultimo effettuato dal comitato tecnico-scientifico, indica per la Lombardia (come per il Veneto e Trento) una probabilità superiore al 50% di entrare in "soglia critica di occupazione" per i posti letto in terapia intensiva entro trenta giorni: questo potrebbe portare a una linea maggiormente prudenziale, rappresentata dalla zona arancione“.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

L'Iss elenca uno a uno tutti gli errori della Lombardia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento