Assume la moglie del dipendente morto di Coronavirus: imprenditore diventa "cavaliere della Repubblica"

Piero Terragni, imprenditore che insieme alla famiglia gestisce la Lei Tsu, ha ricevuto la prestigiosa onorificenza del Presidente della Repubblica

Erminio Misani, vittima di Coronavirus

Il contagio, la malattia e poi il drammatico epilogo con una famiglia distrutta dal dolore per la perdita di un padre e un marito e un'azienda che non poteva più contare sulla sua "colonna portante". E la scelta di assicurare un futuro alla famiglia dell'uomo che per trent'anni aveva prestato servizio nella ditta, la Lei Tsu, assumendo la moglie. Una decisione nobile che ha colpito anche il Presidente della Repubblica. E così la generosità dell'imprenditore brianzolo Pietro Terragni è stata riconosciuta da un'onorificenza prestigiosa che lo ha insignito di Cavaliere al Merito.

Quella che arriva dalla Brianza è una delle storie dei tanti "eori" del Covid che il Quirinale ha voluto premiare, con una menzione d'onore. Tra questi appunto anche Pietro Terragni "imprenditore di Bellusco (Monza e Brianza), in seguito alla morte di un dipendente, Erminio Misani, che lasciava la moglie e tre figli, ha assunto la moglie Michela Arlati".

Tutto è iniziato a fine marzo quando Erminio si è ammalato di coronavirus. Prima il ricovero in ospedale. Poi, il 25 marzo, la morte. A soli 54 anni. In un attimo Michela è rimasta sola con una tragedia da affrontare e tre figli da mantenere, senza un lavoro. E così ha preso il telefono: "Ho telefonato subito a uno dei titolari della Lei Tsu, Benedetto Terragni, era doveroso avvisarlo perché Erminio lavorava lì da 30 anni, per lui era come una seconda famiglia".

La famiglia Terragni, proprietaria dell'azienda, si è riunita in videoconferenza e in un attimo hanno deciso cosa era giusto fare: assumere la moglie di Erminio. E così il giorno dopo Marco Terragni ha preso il telefono e chiamato Michela: "C'è un posto per te, puoi iniziare quando te la senti", le ha detto. "Sono rimasta senza parole quando l'ho sentito - ha raccontato lei -. Questo gesto è di un'umanità immensa, ci aiuta concretamente". 

"Il riconoscimento del Presidente Mattarella è un onore per tutta la nostra comunità" ha commentato Roberto Invernizzi, sindaco di Bellusco. 
"Il gesto della famiglia Terragni è stato importante ma vorrei tanto che questa onorificenza fosse condivisa con Erminio che per più di 30 anni ha speso energie ed impegno nel suo lavoro, con turni che iniziavano presto e terminavano tardi, che lo vedevi sulla sua bicicletta andare e tornare dal lavoro con qualsiasi condizione meteorologica, che ti salutava prendendo la curva di via Roma con una mano sola.
E con Michela che ha accettato di fare altrettanto, di iniziare un lavoro che sarà faticoso, che dovrà continuare a stare vicino ai suoi ragazzi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Accoltella moglie in strada e inventa rapina, in casa droga: arrestato per tentato omicidio

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento