I congiunti: chi rientra in questa categoria?

Fratelli, sorelle, cognati, nuore, fidanzati: chi sono i congiunti? Proviamo a fare un po' di chiarezza

Designed by prostooleh / Freepik

La cosiddetta fase 2 sta per partire. Tra le novità, a partire dal 4 maggio, vi è la possibilità di spostarsi all'interno della propria regione per incontrare i congiunti, purché non vengano fatti assembramenti e si mantenga il distanziamento interpersonale di almeno un metro, con le dovute protezioni delle vie respiratorie.

Ma chi sono i congiunti? Nell’ordinamento giuridico italiano, e così neppure nel diritto penale o in quello civile, esiste una precisa definizione di questo termine. La Ministra dei Trasporti e delle Infrastrutture Paola De Micheli, però, è intervenuta dando un chiarimento ufficiale da parte del Governo: “Sono persone con le quali si intrattengono rapporti affettivi stabili, anche se non formalizzati sul piano giuridico: quindi penso ai fidanzati, sicuramente sono inclusi in questa dicitura”.

Da parte sua, Conte ha risposto alle domande dei giornalisti, precisando che avrebbero messo a disposizione di tutti spiegazioni più precise nelle F.A.Q. E ha sottolineato che non si potrà andare a trovare gli amici né fare feste. Saranno consentiti i rapporti di parentela, con cui ci sono stabili relazioni affettive.

Ma come è possibile verificarne la fonte? Come ci si può destreggiare in un momento in cui tutto è così complesso da capire? Sostanzialmente la scelta sarà affidata alla responsabilità individuale dei cittadini, come confermato dalla stessa Ministra.

In tutti gli atti normativi pubblicati nella Gazzetta Ufficiale, dal 1861 a oggi, si trova solamente il termine “prossimi congiunti”: se si potesse (o dovesse) mantenere il significato di questa definizione, sarebbe permesso andare a trovare i genitori, i figli, i suoceri, le nuore e i generi, il coniuge, i fratelli, le sorelle, gli zii e i nipoti. Non si potrebbe andare a trovare gli affini (quindi suoceri, nuore o generi) se il coniuge fosse deceduto e non ci fossero figli, né amici e partner con cui non si sia sposati o uniti civilmente. Questa norma si rifà addirittura al codice Rocco, il Codice Penale in vigore durante il fascismo; la parte relativa alle unioni civili è stata aggiunta dopo l’11 maggio 2016, quando in Italia sono state approvate le stesse.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo ore di polemiche e dubbi sicuramente leciti, Palazzo Chigi ha provato a chiarire che tra i congiunti rientrano anche fidanzati e fidanzate, ma non gli amici, parole che non sono piaciute a molti. Queste le parole di Conte: "Si possono vedere persone con cui si hanno rapporti parentali, relazioni affettive, ma non liberamente a casa scambiandosi pacche sulle spalle, sia ben chiaro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Valassina, pirata della strada travolge coppia in moto: un morto e un ferito

  • Rapina donna in metro, passante (brianzolo) lo insegue e lo blocca con un pugno in faccia

  • Tragedia in Croazia, uccide la moglie poi si suicida: la coppia era originaria di Monza

  • Coronavirus, due casi positivi all’asilo: tampone per tutti i bambini di due sezioni

  • Cesano Maderno, bimbo positivo al covid: tampone e "quarantena" per tutta la classe

  • Tragico schianto in moto a Bienno: muore motociclista brianzolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento